Courier: l’anti-iPad di Microsoft si mostra in video

Courier torna a far parlare di sé. Il tablet made in Redmond, grazie a un design particolare e all’innovativa interfaccia integrata, rappresenterà la risposta di Microsoft all’iPad di Apple.Alcuni dettagli relativi al dispositivo sono già noti da tempo, come la sua apertura a libro, le dimensioni estremamente compatte (chiuso occupa solo 13×18 cm) e il

Courier torna a far parlare di sé. Il tablet made in Redmond, grazie a un design particolare e all’innovativa interfaccia integrata, rappresenterà la risposta di Microsoft all’iPad di Apple.

Alcuni dettagli relativi al dispositivo sono già noti da tempo, come la sua apertura a libro, le dimensioni estremamente compatte (chiuso occupa solo 13×18 cm) e il peso inferiore ai 500 grammi, ma grazie al video comparso in rete durante il weekend e visibile in streaming a fondo post, è ora possibile dare uno sguardo più completo al suo funzionamento.

Ciò che potrà giocare a favore di Courier, così da differenziarlo rispetto al numero sempre maggiore di tablet in arrivo sul mercato, pare poter essere proprio la già citata interfaccia. Ogni cosa è pensata per porre l’utente nella condizione di interagire in modo intuitivo attraverso input, con dita o pennino, sui due display touchscreen.

Garantito il supporto al multitouch, così come pare essere ormai fuori da ogni dubbio la dotazione della piattaforma nVidia Tegra 2, di un sistema operativo derivante da Windows CE e della webcam assente sul rivale di Cupertino.

Microsoft Courier dovrebbe essere presentato in via ufficiale entro la prossima estate, per arrivare poi sugli scaffali in un periodo compreso fra l’autunno e i primi mesi del 2011. Ovviamente, trattandosi di rumor, come tali vanno presi con le pinze.

Ti potrebbe interessare
Microsoft preannuncia l’evento Pink
Software e App

Microsoft preannuncia l’evento Pink

Entro pochi giorni Microsoft toglierà i veli sul progetto Pink. Da Redmond dovrebbero giungere 2 nuovi dispositivi (“Turtle” e “Pure”) mobile caratterizzati da una forte interazione con la rete, con i social network e capaci di sincronizzazione remota

La Baia ha perso, il sequestro è regolare
Business

La Baia ha perso, il sequestro è regolare

La terza sezione penale della Cassazione ha accolto il ricorso della Procura di Bergamo richiedente l’affermazione della bontà dell’oscuramento del sito della Pirate Bay. Noto il dispositivo, rimangono però al momento ignote le motivazioni della decisione

Lars Ulrich dei Metallica orgoglioso per la chiusura di Napster
Prezzi e tariffe

Lars Ulrich dei Metallica orgoglioso per la chiusura di Napster

Tutto ebbe inizio nel 2000, quando i Metallica scoprirono che il singolo “I disappear”, realizzato per la colonna sonora del film “Mission: Impossible II”, era stato messo in condivisione dagli utenti di Napster, prima ancora del suo arrivo nei negozi e, ovviamente, senza autorizzazione.Da allora un’aspra e intensa battaglia legale scandita a suon di denunce

Sony Ericsson ammette i propri errori
Google

Sony Ericsson ammette i propri errori

I recenti report finanziari di Sony Ericsson non sono certo incoraggianti, tanto che a fine marzo si era giunti ad ipotizzare uno scioglimento della joint venture. A parlarne, in un’intervista rilasciata nei giorni scorsi, è il numero uno dell’azienda Hideki Komiyama, passando in rassegna alcuni degli errori commessi che hanno alimentato il trend negativo.Uno dei

Muziic: la musica “presa” da YouTube
Prezzi e tariffe

Muziic: la musica “presa” da YouTube

Oggi parliamo di un programma davvero interessante e utile per sfruttare al meglio la piattaforma di YouTube. L’idea è venuta a un ragazzino di 15 anni, David Nelson, che ha pensato bene di ottimizzare la ricerca e l’ascolto di brani musicali offerti dal popolare sito grazie ad un software da lui creato e chiamato MUZIIC.Come

Ma siamo sicuri che il WiMax porterà la vera rivoluzione?
Prezzi e tariffe

Ma siamo sicuri che il WiMax porterà la vera rivoluzione?

Tra un mesetto avremo finalmente la tanto sognata asta per l’assegnazione delle frequenze del WiMax, ma molti già da oggi si stanno chiedendo se effettivamente il WiMax così come sarà concepito in Italia sarà davvero utile e se sarà davvero interessante implementarlo in parallelo alle attuali reti via cavo. Alcuni poi si chiedono se l’Hiperlan