X10 Commander: iPhone e controllo domotico

La presenza di device come iPhone e la sua recente evoluzione, il modello 3G S, ha contribuito a incrementare la potenza di calcolo che costantemente ci portiamo a passeggio, rendendoci in grado di effettuare operazioni che fino a qualche anno fa sembravano impossibili.Finalmente qualcuno ha deciso di sfruttare queste capacità per creare un avanzato sistema

La presenza di device come iPhone e la sua recente evoluzione, il modello 3G S, ha contribuito a incrementare la potenza di calcolo che costantemente ci portiamo a passeggio, rendendoci in grado di effettuare operazioni che fino a qualche anno fa sembravano impossibili.

Finalmente qualcuno ha deciso di sfruttare queste capacità per creare un avanzato sistema di controllo digitale degli impianti della casa.

X10 è una società che si occupa di domotica e, in particolare, offre soluzione per la gestione dell’abitazione tramite un unico punto di controllo. Dopo diverse soluzioni, sviluppate su piattaforma PC e Mac, ecco una nuova e innovativa applicazione per iPhone, da scaricare direttamente dall’App Store.

Tramite questo software è possibile controllare dal telefono tutti i singoli dispositivi dell’appartamento (fino a 60 apparecchi differenti): dalla lavastoviglie al frigo, passando per l’illuminazione degli ambienti, fino ad arrivare ai comuni media center casalinghi. L’applicazione in questione si chiama X10 Commander e una volta configurata sul proprio terminale Apple garantisce l’accesso e il controllo degli impianti domotici in tutta la casa.

L’azienda però non si ferma qui e ha già annunciato una versione appositamente modificata del software per il tablet iPad, mentre per chi volesse testarla può collegarsi alla sua pagina dedicata su iTunes e scaricarla.

Per chi non possiede un iPhone, ecco un video dimostrativo del suo funzionamento.

Ti potrebbe interessare
Google: rinnovata per un anno la licenza in Cina
Google

Google: rinnovata per un anno la licenza in Cina

È un rapporto difficile quello tra Google e la Cina. In passato le due parti sono state al centro di accese discussioni relative alla censura di alcuni contenuti presenti in Rete, mentre nei giorni scorsi bigG ha visto il principale motore di ricerca locale, Baidu, presentare la propria alternativa ad Android. Oggi arriva invece notizia

Microsoft rimandata al 2009
Software e App

Microsoft rimandata al 2009

Non avendo portato a termine quanto richiesto dalla corte che ha valutato la nota causa antitrust iniziata nel 2002, la Microsoft rimarrà sotto osservazione ancora fino al 2009 e anche di più se non fornirà le informazioni sul suo software come stabilito