Buffalo presenta l’SSD esterno con interfaccia USB 3.0

Buffalo presenta una nuova serie di unità di storage esterne che presenta due novità: la prima è rappresentata dalla presenza di un disco a stato solido (SSD), la seconda dalla presenza dell’USB 3.0 come interfaccia di trasferimento dei dati. La nuova serie approderà sul mercato con il nome SHD-PEHU3.Le novità introdotte da Buffalo, come annunciato

Buffalo presenta una nuova serie di unità di storage esterne che presenta due novità: la prima è rappresentata dalla presenza di un disco a stato solido (SSD), la seconda dalla presenza dell’USB 3.0 come interfaccia di trasferimento dei dati. La nuova serie approderà sul mercato con il nome SHD-PEHU3.

Le novità introdotte da Buffalo, come annunciato dal sito pclaunches.com, sono già state inserite singolarmente in diversi prodotti, ma non erano mai state utilizzate contemporaneamente nello stesso dispositivo di storage portatile. L’aspetto più interessante è che, grazie al software in dotazione Turbo Boost, si riescono ad ottenere velocità di trasferimento in lettura e scrittura di 244 MB/s.

Le capacità degli SSD che saranno immessi sul mercato andranno dai 64 GB ai 256 GB.

L’uscita è prevista per maggio, in Giappone, ed i seguenti saranno i prezzi con i quali gli external SSD, saranno commercializzati: 282$ per la versione da 64 GB, 510$ per quella da 128 GB ed infine 1.079$ per quella da 256 GB.

Ti potrebbe interessare
AMD integrerà una GPU nelle CPU Opteron
amd

AMD integrerà una GPU nelle CPU Opteron

Le GPU diventeranno sempre più importanti per lo svolgimento di compiti specifici, come le decodifiche video o l’accelerazione di applicazioni matematiche.Intel ha fatto da apripista con i core Clarkdale e Arrandale, mentre AMD presenterà il prossimo anno la piattaforma Lynx, di cui farà parte Llano, APU con CPU quad core e GPU DirectX 11. Nel

L’Europa dovrebbe preservare gli investimenti delle reti a banda larga
Prezzi e tariffe

L’Europa dovrebbe preservare gli investimenti delle reti a banda larga

“Deutsche Telekom, France Telecom, Telefonica e Telecom Italia” hanno presentato qualche giorno fa all’Unione Europea un documento in cui chiedono un radicale cambiamento nei regolamenti per l’accesso alle reti di seconda generazione (le così dette NGN) al fine di preservare gli investimenti per la realizzazione di tale reti.Tradotto in un linguaggio comprensibile, questi 4 operatori