Cover Flow costa ad Apple 625 milioni di dollari: persa la causa con Mirror Worlds

Cosa succede quando, più o meno consapevolmente, si infrangono dei brevetti? Accade che una giuria, in sede legale, imponga una pena di ben 625 milioni di dollari. La sfortunata vittima è Apple che, a quanto emerso nelle ultime ore, avrebbe infranto le condizioni d’uso inerenti ad alcuni sistemi di visualizzazione dei file su iPod, iPhone

Cosa succede quando, più o meno consapevolmente, si infrangono dei brevetti? Accade che una giuria, in sede legale, imponga una pena di ben 625 milioni di dollari. La sfortunata vittima è Apple che, a quanto emerso nelle ultime ore, avrebbe infranto le condizioni d’uso inerenti ad alcuni sistemi di visualizzazione dei file su iPod, iPhone e Mac. In pratica, nelle implementazioni di Cover Flow e Time Machine, la Mela avrebbe violato dei brevetti detenuti dall’azienda Mirror Worlds di David Gelernter.

Secondo Gelernter, un professore di informatica dell’Università di Yale, Cupertino utilizzerebbe indebitamente delle metodologie di visualizzazione file di propria invenzione e, a quanto pare, anche i giudici sembrano essere della stessa opinione.

Il proprietario della piccola azienda Mirror Worlds, sostiene di essere il padre intellettuale di CoverFlow, Time Machine e della ricerca Spotlight. La causa, iniziata nel 2008, ha avuto un lungo seguito in tribunale e solo lo scorso venerdì si è arrivati ad una bozza di verdetto. Il collegio giudicante pare essere intenzionato a imporre più di 200 milioni di dollari di danni per ognuna delle tre infrazioni, tuttavia sabato Apple è riuscita a impugnare in extremis il procedimento, chiedendone una revisione.

Secondo i legali di Cupertino, Apple non avrebbe violato alcun brevetto in modo intenzionale e per questo chiede, se proprio dovesse essere ritenuta colpevole, che venga ideata una sanzione cumulativa e ragionevole anziché una somma elevata per ogni singola violazione. Pare, inoltre, che il tribunale non abbia tenuto in debito conto alcune prove che potrebbero scagionare l’azienda e, di conseguenza, se ne chiede il riesame.

625 milioni di dollari sono una cifra sbalorditiva, anche per le floride tasche targate Mela. Qualora fosse costretta a pagare, bisogna attendersi una virata degli aggressivi piani di business di Steve Jobs? Come già avvenuto in passato, Apple potrebbe chiudere la questione acquisendo l’azienda di Gelernter.

Ti potrebbe interessare
iPad Pro 2022 con MagSafe, logo in vetro e notch
Apple

iPad Pro 2022 con MagSafe, logo in vetro e notch

Il nuovo iPad Pro 2022 potrebbe essere dotato della ricarica wireless mediante Magsafe; grazie ad una sapiente riprogettazione strutturale della scocca, il tablet di punta della mela potrebbe ereditare la medesima feature che abbiamo visto sui melafonini di ultima generazione.iPad Pro: la scocca sarà riprogettata da zeroL’OEM di Cupertino rilascerà la sua serie di iPad

IAB Forum, un luogo per fare marketing
Web e Social

IAB Forum, un luogo per fare marketing

Sì è indubbiamente tramutato, nel corso di un solo lustro, nell’evento più atteso di Advertising d’autunno. Layla Pavone è una delle concrete icone del cambiamento radicale in atto.Cambiamento dei modi e tempi della pubblicità e di conseguenza del marketing. IAB Forum torna per il quinto anno consecutivo: appuntamento il 7 e l’8 Novembre al Convention