Il nuovo Macbook Air si ripristina con una USB Key

Anche se il modello era stato largamente anticipato dai leak della rete, il nuovo modello del MacBook Air, non ha mancato di sorprenderci e continua a farlo con nuovi dettagli che emergono man mano (a partire dall’assenza del plugin flash).Alcuni si saranno chiesti come si possa ripristinare il sistema operativo, dato che nessuno dei due

Anche se il modello era stato largamente anticipato dai leak della rete, il nuovo modello del MacBook Air, non ha mancato di sorprenderci e continua a farlo con nuovi dettagli che emergono man mano (a partire dall’assenza del plugin flash).

Alcuni si saranno chiesti come si possa ripristinare il sistema operativo, dato che nessuno dei due modelli dispone di un lettore ottico: con la prima generazione di MacBook Air, veniva messo in commercio il SuperDrive USB, ma ieri Steve Jobs non ha fatto nessun accenno a questo argomento.

L’arcano è svelato dall’analisi della pagina del sito Apple dedicata alle specifiche tecniche del nuovo mini-notebook: nella confezione troveremo una unità di ripristino software che non è altro che una sottilissima USB-Key, sul quale sembra essere installato il software necessario a ripristinare il computer, in caso di errori irreversibili.

Al momento non ci sono ulteriori dettagli su questa unità di ripristino, ma sembra già un ottima idea, sicuramente preferibile alla condivisione del lettore ottico di un secondo computer, funzionalità introdotta proprio con il primo modello di MacBook Air.

Ti potrebbe interessare
Microsoft scopre una falla di Windows vecchia di 17 anni
Microsoft

Microsoft scopre una falla di Windows vecchia di 17 anni

Non bastassero i problemi relativi ad Internet Explorer, segnalato da diversi governi come la causa di numerosi problemi di sicurezza per gli utenti che navigano nella rete. In questi giorni Microsoft sta indagando su una falla di sicurezza che riguarda tutti i sistemi Windows rilasciati successivamente a Windows NT 3.1 del 27 luglio 1993.Dunque una

La Camera dei deputati arriva su YouTube
Prezzi e tariffe

La Camera dei deputati arriva su YouTube

La Camera dei deputati, con l’obiettivo di rendere le Istituzioni più moderne e trasparenti, ha deciso di creare un proprio canale su YouTube.Seguendo la linea tracciata dal Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini che, dopo aver aperto un proprio canale sul noto portale di videosharing, ha annunciato direttamente sul Web le materie oggetto della seconda prova scritta