ASUS GTX 560 DirectCU II TOP: potenza al “fresco”

ASUS ha annunciato l’arrivo sul mercato della scheda grafica GTX 560 DirectCU II TOP, versione overcloccata della GPU NVIDIA GTX 560 presentata la settimana scorsa. La scheda integra 336 CUDA Core come la reference board, ma la frequenza di funzionamento è stata incrementata di 115 MHz (925 MHz rispetto a 810 MHz). La memoria GDDR5

ASUS ha annunciato l’arrivo sul mercato della scheda grafica GTX 560 DirectCU II TOP, versione overcloccata della GPU NVIDIA GTX 560 presentata la settimana scorsa. La scheda integra 336 CUDA Core come la reference board, ma la frequenza di funzionamento è stata incrementata di 115 MHz (925 MHz rispetto a 810 MHz). La memoria GDDR5 da 1 GB ha invece una frequenza di 1.050 MHz, 48 MHz in più rispetto alla scheda originale.

Per dissipare il calore generato, ASUS ha utilizzato diverse tecnologie proprietarie come il sistema di raffreddamento DirectCU II e la Super Alloy Power, grazie alle quali la scheda può essere spinta al massimo ottenendo prestazioni superiori nei giochi. Gli overclocker potranno inoltre incrementare le tensioni di lavoro grazie alla funzionalità Voltage Tweak.

Il sistema di raffreddamento DirectCU II è costituito da heat pipe in rame in contatto diretto con il chip grafico, sormontate da due ventole che garantiscono una dissipazione del calore fino al 20% più efficiente rispetto ad un sistema di raffreddamento tradizionale. La tecnologia Super Alloy Power invece prevede l’utilizzo di una lega esclusiva che permette di incrementare l’efficienza energetica, con temperature di 35 gradi inferiori.

La scheda occupa due slot ed è dotata di tre uscite video, due DVI e una mini HDMI. L’ASUS GTX 560 DirectCU II TOP è disponibile ad un prezzo di 229 euro.

Ti potrebbe interessare
Google Buzz non si scontrerà con Facebook e Twitter
Web e Social

Google Buzz non si scontrerà con Facebook e Twitter

Parlando del neonato Buzz, i paragoni con altri social network sembrano inevitabili, ma stando a quanto dichiarato da Bradley Horowitz, un dirigente Google, il servizio non andrà a scontrarsi con titani come Facebook e Twitter, anzi, sarà in grado di incorporarne i contenuti, per offrire ai propri utenti una piattaforma ideale per la comunicazione e

La crisi costa 170 miliardi alle compagnie high-tech
ibm intel

La crisi costa 170 miliardi alle compagnie high-tech

Secondo la First American Funds, le compagnie dei settori high-tech, sulla scia dell’attuale crisi finanziaria e dei suoi influssi sull’economia reale, hanno già provveduto a rivedere le proprie stime di vendita per il prossimo anno.L’effetto del taglio provocato da questa “revisione” forzata dei ricavi del 2009 sarebbe quantificabile in 170 miliardi di dollari.Le compagnie prevedono,