CNN compra l’applicazione Zite, per 20 milioni

CNN sceglie di puntare tutto sulla personalizzazione dei contenuti, con l’acquisizione dell’applicazione Zite. L’esborso economico necessario a portare a termine l’operazione è stato quantificato in 20 milioni di dollari. Si tratta di una mossa fortemente voluta dal gruppo, che crede nelle potenzialità del software e intende sfruttarne la tecnologia per rendere la propria offerta sempre

CNN sceglie di puntare tutto sulla personalizzazione dei contenuti, con l’acquisizione dell’applicazione Zite. L’esborso economico necessario a portare a termine l’operazione è stato quantificato in 20 milioni di dollari. Si tratta di una mossa fortemente voluta dal gruppo, che crede nelle potenzialità del software e intende sfruttarne la tecnologia per rendere la propria offerta sempre più adeguata alle esigenze e ai desideri degli utenti.

Per chi non conoscesse Zite, si tratta di un’app disponibile per iPad, che consente di aggregare le notizie e le informazioni provenienti da più fonti in modo del tutto automatico, in base alle preferenze personali. Va specificato che CNN non intende snaturare l’applicazione, mantenendola indipendente e completamente operativa come accaduto fino ad oggi, ma al tempo stesso desidera sfruttarne le informazioni ricavate per migliorare la personalizzazione dei contenuti sul proprio network.

Come riportato sulle pagine di Webnews, sia Mark Johnson (CEO di Zite) che KC Estenson (general manager di CNN Digital) hanno espresso il loro entusiasmo per l’accordo raggiunto. Resta comunque tutta da chiarire la posizione che CNN assumerà nei confronti di alcune accuse mosse nei mesi scorsi nei confronti di Zite, secondo alcuni colpevole di aver violato il copyright di alcuni editori, consentendo l’accesso a materiale pubblicato da siti come Washington Post, Associated Press, Gannett, Getty Images, Time e Dow Jones.

Ti potrebbe interessare
Oggi sciopero
Web e Social

Oggi sciopero

In risposta a Filippo Facci 483 caratteri per salvare la Rete Lettera aperta al Senato: nel mirino il comma 28 Tra le intercettazioni spunta un bavaglio

In USA un notebook su 10 è Apple
Apple

In USA un notebook su 10 è Apple

Nonostante le ultime, pessime novità dal punto di vista finanziario, gli ultimi dati rilasciati da NPD sono assolutamente positivi: ben il 10,6% del comparto dei notebook USA è saldamente in mano ad Apple.Se consideriamo che soltanto un anno fa il marketshare USA dei notebook Apple corrispondeva al 6,6%, è evidente che questi dati sono davvero