Niente streaming con iTunes Match

Tutto da rifare. A quanto pare, le funzionalità di streaming comparse in una recente beta di iTunes Match non erano volute, anzi, si sarebbe trattato di una svista, peggio ancora di un bug. E così, mentre un portavoce di Cupertino nega sostanzialmente qualunque feature che non sia il download fisico, sull’ultima beta di iTunes 10.5

Tutto da rifare. A quanto pare, le funzionalità di streaming comparse in una recente beta di iTunes Match non erano volute, anzi, si sarebbe trattato di una svista, peggio ancora di un bug. E così, mentre un portavoce di Cupertino nega sostanzialmente qualunque feature che non sia il download fisico, sull’ultima beta di iTunes 10.5 lo streaming da iCloud è ancora perfettamente funzionante.

Ciò che abbiamo visto solo un paio di giorni fa non ha futuro: le funzionalità di streaming, afferma Apple, non erano previste poiché iTunes Match può esclusivamente scaricare in locale i contenuti; l’unica sua peculiarità è di consentirne la riproduzione già durante il download, ma niente di più. Ciò implica la necessità di cancellare ciclicamente i contenuti vecchi per fare spazio a quelli nuovi, e così via: ogni traccia su iCloud a cui attingiamo, infatti, viene automaticamente copiata nella memoria del dispositivo iOS.

Resta tuttavia il fatto che, in un qualche stadio del suo sviluppo, in effetti iOS 5 consentiva lo streaming, e ciò rende difficile parlare di un di un bug e o di una leggerezza. Soprattutto visto e considerato che l’ultima beta del lettore multimediale con la Mela, quell’iTunes 10.5 beta 7 consegnato agli sviluppatori nelle scorse ore, tutt’ora distingue tra riproduzione da remoto e salvataggio in locale, caratterizzato dal pulsante con la nuvoletta di iCloud e la freccia rivolta in basso.

Dunque è evidente che ai piani alti di Cupertino qualcuno deve aver cambiato idea in corso d’opera, e l’impressione a naso è che c’entrino qualcosa gli accordi di licenza con le etichette della musica. Kafka di AllThingsDigitalafferma di aver sentito da un dirigente che in realtà i diritti per lo streaming Apple se li sarebbe accaparrati da tempo, e che la scelta dipenderebbe in massima parte da ragioni di filosofia e design del prodotto. L’unica certezza, per il momento, è che possiamo scordarci lo streaming, almeno per questa generazione di iCloud.

Ti potrebbe interessare
Magyar Telekom, trimestrale positiva
trimestrali

Magyar Telekom, trimestrale positiva

Magyar Telekom Nyrt, la compagnia telefonica ungherese controllata dalla Deutsche Telekom, ha annunciato una crescita dei profitti relativa al primo trimestre del 2008 di circa il 40%. L’incremento, stando ai commenti degli analisti, sarebbe tuttavia riconducibile soprattutto al taglio del costo delle risorse umane.Gli utili di Magyar Telekom sono così saliti a 135 milioni di