Uno stick arcade da Atari per i videogiochi su iPad

Atari ha in mente di pubblicare al più presto un nuovo supporto di comando con stick analogico per gli iPad di Apple, dedicato in particolare ai videogiochi.Il joystick, chiamato “Atari Arcade — Duo Powered” entrerà a far parte della collana speciale di videogiochi “Atari’s Greatest Hits” e permetterà di inserire, all’interno di un’apposita fessura, il

Atari ha in mente di pubblicare al più presto un nuovo supporto di comando con stick analogico per gli iPad di Apple, dedicato in particolare ai videogiochi.

Il joystick, chiamato “Atari Arcade — Duo Powered” entrerà a far parte della collana speciale di videogiochi “Atari’s Greatest Hits” e permetterà di inserire, all’interno di un’apposita fessura, il proprio iPad 2 così da poter utilizzare direttamente attraverso il sistema di controllo i videogiochi storici della compagnia disponibili sulla piattaforma.

La particolare forma del controller, studiata per essere simile ai cabinati che spopolavano nelle sale da gioco negli anni ’80 e ’90, si adatterà dunque alla perfezione con gli oltre cento titoli storici riproposti da Atari per le piattaforme iPad e iPad 2. Un modo come un altro per il colosso che, dopo un momento di gravi difficoltà finanziarie che l’ha costretto ad abbandonare il proprio ruolo di primi piano all’interno dell’industria dell’intrattenimento elettronico, di tornare a fare ciò che faceva meglio.

Non sono noti al momento dettagli circa l’eventuale commercializzazione in Italia, e data di uscita e prezzo negli Stati Uniti. Tuttavia, sembra che l’Atari Arcade sarà sensibilmente più economico dell’iCade, attualmente prezzato negli USA a 99 dollari, un altro tipo di arcade controller per iPad.

Ti potrebbe interessare
Cerf: ok ai domini orientali, ma senza fretta
Web e Social

Cerf: ok ai domini orientali, ma senza fretta

Vinton Cerf conferma la disponibilità dell’ICANN al multilinguismo nella registrazione dei domini, ma nel contempo chiede pazienza: il processo di traslazione non ammette errori ed assimilare nuovi caratteri al range attuale impone valutazioni preventive