ASRock annuncia tre schede madri per Atom D2700 e D2500

ASRock offre tre soluzioni mini-ITX basate sulle CPU Intel e adatte alla realizzazione di HTPC.

I processori Atom di Intel non hanno una potenza equivalente ai Core i5 e i7, ma sono molto utilizzati nella realizzazione di HTPC, grazie ai loro bassi consumi. ASRock quindi ha annunciato tre schede madri mini-ITX progettate per ospitare i recenti Atom dual core D2700 e D2500. I nomi dei prodotti sono AD2700-ITX, AD2700B-ITX e AD2500B-ITX.

Il modello più completo è l’AD2700-ITX, sul quale è installato un Atom D2700 a 2,13 GHz. I due slot SO-DIMM possono ospitare fino a 4 GB di memoria DDR3 a 1.066 MHz, mentre le possibilità di espansione sono limitate ad un singolo slot PCI. Molto completa invece la dotazione di uscite video (VGA, DVI e HDMI) che possono essere sfruttare per inviare flussi video in alta definizione verso monitor o TV esterne, una caratteristica supportata dalla GPU PowerVR SGX545 integrata nel processore.

Le specifiche hardware sono completate da due connettori SATA II, due porte USB 3.0, audio HD a 7.1 canali (è presente anche un’uscita ottica) e rete Gigabit. Sul pannello posteriore trovano posto anche quattro porte USB 2.0 e una porta PS/2 per la tastiera, a cui si aggiungono i connettori per le porte seriale e parallela sulla scheda madre.

La AD2700B-ITX integra lo stesso processore, ma le caratteristiche sono inferiori: audio a 5.1 canali, solo uscita VGA e solo due porte USB 2.0 posteriori, affiancate dalle porte seriale e parallela. In pratica, si potrebbe definire una versione legacy della AD2700-ITX. Infine, la AD2500B-ITX condivide le stesse specifiche della AD2700B-ITX, ma il processore è un Atom D2500 a 1,86 GHz, la rete LAN è a 100 Mbps e sono assenti le due porte USB 3.0.

Ti potrebbe interessare
La visione di Canon sul futuro del mercato fotografico
Domani Imaging

La visione di Canon sul futuro del mercato fotografico

Nikkei, media giapponese, ha intervistato Fujio Mitarai, CEO di Canon, sul futuro del mercato fotografico. Mitarai ha una visione condivisa da molti, supportata oltretutto dal riscontro delle vendite: il volume del mercato amatoriale si starebbe riducendo del 10% ogni anno e questa tendenza è destinata a continuare anche per il prossimo biennio. Dall’altro lato però