Jailbreak: iTweakStore, l’alternativa a Cydia

Sta per nascere iTweakStore, alternativa web-based a Cydia, che proporrà un sistema semplice per il download di app e tweak.

Attualmente il mondo del jailbreak deve rivolgersi esclusivamente a Cydia per il download di applicazioni e tweak per iPhone e iPad jailbroken. Sta per nascere però uno store virtuale alternativo che potrebbe minare la leadership di Cydia nel settore: è denominato iTweakStore e sarà disponibile presto, secondo quanto riferito da varie fonti.

iTweakStore promette di essere veloce, potente e molto semplice da usare, un’alternativa insomma a Cydia per coloro che hanno un dispositivo iOS jailbroken. Si tratterà però di una soluzione web-based e non di un’applicazione, dunque attualmente si è piuttosto scettici sul fatto che potrà seriamente minare lo stradominio di Cydia, dato che quest’ultima è un’applicazione nativa quando si effettua il jailbreak.

Quando si acquista un’applicazione a pagamento da Cydia, è possibile pagare la cifra richiesta sia attraverso Amazon che Paypal: non è però chiaro se iTweakStore proporrà i medesimi sistemi di pagamento e come gestirà gli account degli utenti, bisognerà dunque vedere come sarà strutturata questa soluzione.

Purtroppo, non se ne saprà molto di più a riguardo fin quando iTweakStore.com non sarà disponibile pubblicamente. È però necessario sottolineare che vengono generati alcuni problemi di sicurezza quando un utente vuole installare e garantire l’accesso al root di un tweak da Safari per iOS, ma è che vero che molte falle sono state riscontrate nel browser di Apple, come ad esempio quella vulnerabilità PDF che è stata sfruttata dagli hacker per sviluppare il tool JailbreakMe per iOS 4.

Per il momento non è stato specificato quando il negozio alternativo a Cydia sarà lanciato, tuttavia gli interessati possono tenersi aggiornati sul sito Web ufficiale, dove a poco a poco verranno diffuse maggiori informazioni sul progetto.

Ti potrebbe interessare
Condannati a tre anni di carcere per phishing
Business

Condannati a tre anni di carcere per phishing

Tre pirati informatici sono stati condannati al carcere per la loro attività di phishing. Mentre si attende il processo degli altri truffatori telematici, nuova ricerca dimostra come con pochi accorgimenti si possano scampare le truffe online