OnLive Desktop per iPad viola le licenze Microsoft

Microsoft ha spiegato che OnLive Desktop, disponibile su iPad, viola le licenze di distribuzione dei servizi online di Windows.

OnLive Desktop è disponibile da qualche settimana su iPad e porta con se la possibilità di usufruire del sistema Windows sul tablet di Cupertino, tutto via cloud. Secondo però quanto reso noto da Microsoft nelle scorse ore, il software viola le licenze imposte proprio dall’azienda con sede a Redmond.

Attraverso un aggiornamento diramato sul blog ufficiale Microsoft da Joe Matz, Corporate Vice President della divisione brevetti di Redmond, è stato spiegato che numerosi partner hanno la possibilità di fornire servizi online legati al sistema operativo Windows mediante la soluzione Virtual Desktop Infrastructure, ma quanto possibile con OnLive Desktop non rientra negli accordi presi. Anche la suite Office, che rientra nel pacchetto dell’offerta di OnLive per iPad, è nel mirino di Redmond poiché può essere concessa esclusivamente se l’infrastruttura sia basata su Windows Server oppure su Remote Desktop Services. E questo non è il caso di OnLive Desktop.

OnLive Desktop sarà pertanto usufruibile anche in futuro su iPad? Bisognerà trovare un accordo tra le due parti affinché le violazioni delle licenze non avvengano più, ma Microsoft si è dichiarata propensa a cercare un modo affinché la distribuzione di Windows come servizio online sia coperta sotto una regolare licenza.

Microsoft ha inoltre spiegato di aver sviluppato una versione di Office per iPad ma pare essere riluttante nel rilasciarlo poiché probabilmente andrebbe contro gli interessi dei prossimi tablet Windows 8 che debutteranno nel corso del 2012: avere Office esclusivamente nella propria offerta potrebbe infatti essere un fattore chiave per la differenziazione dei propri prodotti da quelli concorrenti, iPad in primis.

Ti potrebbe interessare
News Timeline: Google sperimenta la vista cronologica
Web e Social

News Timeline: Google sperimenta la vista cronologica

Dopo aver ricombinato le logiche di fruizione degli articoli pubblicati dalle testate giornalistiche online con Google News, il colosso del Web sembra voler ulteriormente rimescolare le carte in tavola con il nuovo servizio (attualmente in fase di sperimentazione) News Timeline.Se con Google News è possibile aggregare le fonti che parlano della stessa notizia, capire quale