AgeroView: il cloud computing arriva in auto

Agero Connected Service lancia AgueroView, sistema di infotainment basato sul cloud computing molto versatile e facilmente personalizzabile

Parliamo di

Agero Connected Service, azienda americana che opera nel settore automobilistico da diversi anni, ha appena introdotto sul mercato un sistema di infotainment dinamico basato sulla tecnologia di cloud computing. Si chiamerà AgeroView e permetterà di personalizzare il sistema di intrattenimento sia in base alle esigenze delle case automobilistiche sia in base alle preferenze dei consumatori.

Le case che introdurranno tale tecnologia sulle proprie vetture potranno infatti personalizzare le opzioni, le funzioni e anche lo stile dell’innovativo sistema rendendo ad esempio disponibili più funzioni passando dalle versioni base agli allestimenti premium; sarà inoltre possibile effettuare un aggiornamento ogni qual volta il sistema diventi obsoleto semplicemente attraverso il collegamento alla rete Internet, senza che la vettura debba essere portata in assistenza. E come ha dichiarato Frank Hirschenberger, direttore alla Agero Connected Service, apportare modifiche a tale sistema sarà più facile che aggiornare il proprio sito Web.

Per quanto riguarda, invece, il consumatore, egli avrà la possibilità di interagire col sistema sia mediante il tocco sullo schermo touch sia mediante comando vocale; potrà inoltre scaricare nuove applicazioni, configurare il sistema a proprio piacimento e ricevere pubblicità o informazioni relative ai luoghi in cui si trova grazie al segnale GPS.

Attualmente AgeroView non è stato accostato a nessuna casa automobilistica, ma, grazie alla versatilità e alle molteplici funzioni che esso possiede, ben presto potrebbe soppiantare i classici sistemi di infotainment.

Ti potrebbe interessare
La qualità di registrazione video del Google Nexus One
Imaging

La qualità di registrazione video del Google Nexus One

La componente video e fotografica è diventata una parte fondamentale per i moderni smartphone, ma come realizza i filmati il nuovo Google Nexus One? È davvero presente la tanto discussa macchia rosa al centro dell’immagine? La risposta si cela nel video in streaming di seguito.