Goodyear AMT: lo pneumatico che si gonfia da solo

Goodyear ha brevettato uno pneumatico in grado di regolare autonomamente la pressione interna

Parliamo di

Goodyear ha appena brevettato un sistema che rivoluzionerà il mondo degli pneumatici: si chiama Air Maintenance Technology, letteralmente “tecnologia di mantenimento dell’aria” e sarà in grado di mantenere costante la pressione delle gomme nel tempo riuscendo anche a compensare eventuali sgonfiamenti senza necessità di intervento da parte dell’automobilista.

Il principio di funzionamento è piuttosto semplice: quando una speciale valvola rileva all’interno dello pneumatico una variazione di pressione, un tubo molto piccolo viene attraversato da aria che, a causa di una restrizione della sezione del tubo causata dal rotolamento, viene compressa ed espulsa dall’altra estremità del tubicino ripristinando così il valore di pressione ottimale.

Guidare con pneumatici sgonfi comporta un aumento di consumi ed emissioni inquinanti, una riduzione del comfort di guida e, soprattutto, una riduzione della vita utile dello pneumatico stesso; considerando che la maggior parte degli automobilisti controlla la pressione delle gomme meno di una volta l’anno, gli pneumatici con tecnologia AMT potrebbero essere un grosso aiuto nella riduzione di tutti questi inconvenienti.

Inoltre, data la semplicità costruttiva, Goodyear potrà produrre tali pneumatici su larga scala e potrà quindi venderli a prezzi competitivi. Le altre aziende del settore sono avvisate.

Ti potrebbe interessare
I tablet MSI Wind Pad 100 e 110 al Computex di Taipei
Google

I tablet MSI Wind Pad 100 e 110 al Computex di Taipei

Non c’è alcun dubbio, i protagonisti assoluti del Computex in scena a Taipei sono i tablet.Il roboante debutto di iPad, nonostante non abbia mancato di suscitare critiche, ha fatto da apripista per una nuova categoria di dispositivi, che nei mesi a venire invaderanno gli scaffali di negozi e store virtuali, proprio come fece a suo

Celeron E1200: benchmark della CPU Intel più economica
intel

Celeron E1200: benchmark della CPU Intel più economica

Lo scorso 21 gennaio Intel ha introdotto sul mercato il processore Celeron Dual-core E1200, soluzione destinata alla fascia entry-level del mercato e caratterizzata dal prezzo, estremamente ridotto, di soli 53 dollari.Si tratta di una CPU socket 775 costruita con processo produttivo a 65 nanometri, funzionante alla frequenza di clock di 1.6Ghz e dotata di un

Zune stimato sui 300 dollari
Software e App

Zune stimato sui 300 dollari

Se è vero che il prezzo è una delle leve del marketing, è altrettanto vero che il prezzo del Microsoft Zune era rimasto al momento una delle variabili più interessanti ed ignote del lettore di Redmond. Di Zune sono circolate già varie voci ed Engadget sembra aver agganciato gli insider giusti per giungere ad informazioni