Ford e le app che fanno risparmiare carburante

Il produttore americano Ford ha pronto un assegno da 50.000 dollari per chi proporrà un’app capace di far risparmiare carburante agli automobilisti.

Parliamo di

Anche Ford ha intuito il potenziale delle nuove tecnologie applicate al settore automobilistico, come dimostra il contest Personalized Fuel Efficiency App Challenge annunciato oggi. Si tratta di un concorso rivolto a tutti gli sviluppatori, che mette in palio un premio da 50.000 dollari assegnato a chi saprà proporre l’applicazione migliore per consentire a chi si mette al volante di risparmiare sul consumo di carburante.

L’unico requisito richiesto è l’utilizzo della piattaforma OpenXC presentata nell’autunno 2011 dall’azienda statunitense, basata su Android e capace di mettere in comunicazione qualsiasi hardware third party (anche smartphone o tablet) con i veicoli, per trasferire ed elaborare in tempo reale dati come la posizione GPS, l’angolo di sterzata o la velocità mantenuta durante il tragitto. In altre parole, l’intenzione del gruppo è quella di trovare l’idea migliore per un software che permetta di ottimizzare i consumi.

Questi non sono infatti dipendenti esclusivamente dal motore o dalla cilindrata delle vetture, ma variano sensibilmente in base ai singoli stili di guida. L’app vincitrice dovrà tenere conto di questo fattore, fornendo suggerimenti preziosi per evitare comportamenti errati a chi si trova al volante e gestendo al meglio i parametri rilevati dall’automobile. La presentazione del progetto è avvenuta in occasione del Salone Internazionale di New York. Ecco le parole di Jim Farley, vicepresidente esecutivo per la divisione marketing, sales and service di Ford.

Dobbiamo aiutare i nostri clienti a comprendere il concetto di “personal fuel economy”, in base alla loro esperienza individuale.

Le sottoscrizioni al contest prenderanno il via mercoledì 24 aprile. Allora, attraverso il sito ufficiale Personalized Fuel Efficiency App Challenge, saranno forniti maggiori dettagli sulle linee guida da seguire per i partecipanti e in merito alle modalità di invio delle proposte.

Ti potrebbe interessare
Caso Street View, si muove anche la FTC
Business

Caso Street View, si muove anche la FTC

In Germania stanno per partire approfondite indagini sul caso Street View e piovono critiche sul comportamento di Google. Negli USA si mobilita anche la FTC. Google, nel frattempo, promette solerte distruzione dei dati “erroneamente” raccolti

Class action contro gli schermi Apple
Business

Class action contro gli schermi Apple

Fred Greaves e Dave Gatley, originari di San Diego, hanno ufficializzato una class action contro Apple puntando l’indice contro gli schermi del MacBook e MacBookPro. Apple nasconderebbe con il dithering una qualità minore a quanto pubblicizzato