Motorola Project Ara, lo smartphone da assemblare

Motorola Ara è un progetto ambizioso volto a creare smartphone modulari: l’utente potrà sceglierne estetica, materiali, componenti e aggiornarle nel tempo.

Motorola ha annunciato di esser al lavoro su Project Ara, una nuova iniziativa volta a creare degli smartphone modulari, componibili e aggiornabili nel tempo. Nello specifico trattasi di una piattaforma hardware aperta e realizzabile con componenti modulari. È un progetto ambizioso che ricalca la scia di PhoneBlocks, quello smartphone assemblabile che aveva catturato qualche settimana fa l’attenzione di pubblico e stampa.

Con Project Ara l’utente potrà decidere come creare il proprio smartphone, scegliendo tra diversi moduli separati e anche aggiornabili successivamente. Ciò significa che la Google-company darà la possibilità di costruirsi un telefono su misura: ogni dispositivo sarà dotato di un endoscheletro che tiene insieme tutte le diverse componenti e il possessore di un device potrà dunque scegliere lo schermo, la fotocamera e le altre componenti hardware e anche cambiarle nel tempo, tutto semplicemente sostituendo dei blocchi che non hanno alcun vincolo di produttore.

L’obiettivo di Motorola è quello di creare smartphone unici e personalizzabili che facciano «per l’hardware ciò che la piattaforma Android ha fatto per il software», che andranno a soddisfare appieno le esigenze degli utenti. Se già con il Moto X la casa ha iniziato a offrire la possibilità di sceglierne l’estetica e i materiali, adesso si parla di un ulteriore passo avanti sul fronte della personalizzazione: chi vorrà un prodotto più potente potrà scegliere CPU, GPU e RAM migliori, chi vorrà puntare su una fotocamera di grande qualità potrà cambiarne quando vuole il modulo, e via dicendo.

Motorola sottolinea che i moduli «possono essere qualsiasi cosa», come ad esempio una nuova batteria o tastiera, e perfino l’aggiunta di componenti insolite come ad esempio un pulsiossimetro. L’azienda acquisita da Google è intenzionata a lavorare a stretto contatto con gli sviluppatori per iniziare a creare i moduli, e stima che la versione alpha del kit di sviluppo sia pronta per questo inverno. È già da un anno che la compagnia è al lavoro su questo progetto Ara.

«Vogliamo sviluppare un vibrante ecosistema di sviluppo, abbattere le barriere d’ingresso, aumentare il ritmo dell’innovazione e accorciare in modo rilevante i tempi di sviluppo», spiega Paul Eremenko del team che si sta occupando di Project Ara. «Il nostro obiettivo è quello di creare un rapporto più ponderato, espressivo e aperto tra gli utenti, gli sviluppatori e i loro telefoni. Vogliamo darvi il potere di decidere che cosa fa il vostro telefono, come appare, di che cosa è fatto, quanto costa e quanto tempo lo terrete».

Chi è interessato a far parte della squadra che per prima avrà la possibilità di creare uno smartphone modulare può già iscriversi al programma Ara Scout, già avviato sul sito ufficiale di Motorola.

Ti potrebbe interessare