Yahoo annuncia Flickr per iPad

Finalmente è stata rilasciata l’app Flickr per iPad. Gli utenti possono visualizzare, modificare e condividere le proprie foto, utilizzando il tablet Apple.

Parliamo di

Durante l’evento di presentazione del nuovo iPad Air 2, Apple ha evidenziato le caratteristiche della sua fotocamera posteriore (8 Megapixel con apertura f/2.4). Con un tempismo quasi perfetto, Yahoo ha annunciato la prima versione dell’app Flickr ottimizzata per il tablet dell’azienda di Cupertino. Flickr per iPad è compatibile solo con iOS 8, quindi l’aggiornamento è obbligatorio.

Dopo oltre quattro anni di attesa (il primo iPad è stato lanciato a gennaio 2010), gli utenti possono finalmente accedere al servizio di storage e condivisione delle foto, sfogliare oltre 10 miliardi di immagini e organizzare i propri scatti direttamente dal tablet Apple. Flickr per iOS 8 sfrutta al meglio lo spazio maggiore offerto dall’iPad rispetto all’iPhone e permette di visualizzare foto in alta risoluzione sul noto display Retina (2048×1536 pixel a 264 ppi). Il layout dell’app consente di scorrere le immagini in orizzontale e verticale nel formato di aspetto originale.

L’utente può inserire commenti, gestire le foto preferite e i gruppi, aggiornare il proprio profilo, aggiungendo avatar, sfondo, introduzione e link ai siti web. È possibile applicare i filtri live (non sulle foto importate dalla collezione) e apportare modifiche utilizzando gli strumenti di editing professionali. Per ogni foto è presente una pagina con le informazioni dettagliate (fotocamera usata, parametri di scatto, ecc.). La ricerca delle immagini è stata semplificata e non richiede l’uso di tag o altri dati.

Flickr per iPad può essere utilizzata anche per scattare foto e registrare video. La funzione di upload automatico permette di caricare sul cloud tutte le foto, sfruttando così i 1.000 GB di spazio gratuito offerto da Yahoo. Il supporto per le Share Extension di iOS 8 consente di condividere le immagini tramite servizi di terze parti, tra cui Tumblr, Facebook e Twitter.

Ti potrebbe interessare