Tim Cook spiega perché ha ucciso iPod Classic

Tim Cook spiega perché ha deciso di uccidere iPod Classic: impossibile trovare fornitori adeguati di componenti, per una domanda molto ridotta.

In pochi se ne saranno effettivamente accorti, ma dallo scorso mese Apple non vende più il suo iconico iPod Classic. A livello di tecnologia si tratta di un device ormai superato, battuto dai modelli tuttofare come iPod Touch, eppure la scelta in quel di Cupertino non è stato facile. È quanto spiega Tim Cook durante la sua partecipazione alla conferenza WJS.D.

Sebbene Apple abbia fatto di tutto per mantenere in vita iPod Classic, così come Cook conferma, l’azienda si è dovuta confrontare con i limiti del mercato moderno. Non solo la domanda si è rivelata particolarmente esigua, ma anche il reperimento delle componenti interne sembra si sia fatto sempre più impossibile. Così la decisione di interromperne la produzione:

Non abbiamo più trovato le componenti, in nessun luogo della Terra. Non ho brandito l’ascia dicendo: “Chi posso uccidere oggi?”. Il lavoro ingegneristico era impressionante, il numero degli acquirenti davvero ridotto. È sembrato vi fossero delle alternative ragionevoli.

Il riproduttore musicale è sopravvissuto per oltre un decennio, passando attraverso molteplici declinazioni, tra cui l’ultima da ben 160 GB d’archiviazione. La soluzione perfetta per gli appassionati più sfegatati di musica, i quali non trovano in iPod Nano, iPod Shuffle e iPod Touch sufficiente spazio d’archiviazione per le loro immense librerie.

Vi è ancora una speranza, tuttavia, per questo piccolo esercito di orfani di iPod Classic. Molti esemplari sono ancora disponibili sui siti di e-Commerce, Amazon e eBay primi fra tutti, poiché rimasti negli stock di vari negozi sparsi per il mondo. Non è però tutto rose e fiori il processo d’acquisto: sfruttando proprio l’onda mediatica ed emotiva della scomparsa del player, i prezzi sono lievitati in modo esagerato. Bisogna infatti sborsare fino a 500 dollari per aggiudicarsi uno degli ultimi esemplari esistenti. Un po’ troppo, forse, anche per un mito iconico come quello di iPod Classic.

Ti potrebbe interessare