CES 2015: Volkswagen presenta la Connected Golf

Volkswagen ha presentato una Golf R Touch con tre display e una e-Golf che supporta i sistemi MirrorLink, Android Auto e Apple CarPlay.

Parliamo di

Oltre ai tradizionali prodotti dell’elettronica di consumo, al CES 2015 viene dato ampio spazio al settore automotive. Volkswagen ha approfittato della nota manifestazione per mostrare i suoi progressi nel campo delle connected car, ovvero veicoli connessi ad Internet che offrono all’utente evoluti sistemi di infotainment e di assistenza alla guida. La casa automobilistica tedesca ha mostrato la Connected Golf e il concept Golf R Touch equipaggiato con tre display integrati nella console principale e nel cruscotto.

La Connected Golf di Volkswagen è una e-Golf equipaggiata con la seconda generazione della Modular Infotainment Platform (MIB II) che permetterà ai clienti di scegliere l’interfaccia e le app preferite sotto il marchio App-Connect. Il produttore offrirà tre opzioni: MirrorLink, Android Auto e Apple CarPlay. Dopo aver collegato lo smartphone via Bluetooth sarà possibile utilizzare in auto le popolari app dei dispositivi mobile. Nella Connected Golf è presente inoltre Media Control (un’app crea un sistema di intrattenimento per i sedili posteriori), Regular Routes (un sistema di navigazione che rileva le congestioni del traffico e suggerisce un percorso alternativo) e una tecnologia che permette di cercare un parcheggio libero.

Intelligent Charge è invece un sistema di ricarica induttiva (quindi senza cavo) che consente di verificare il livello di carica osservando le luci esterne del veicolo. La e-Station Guide assiste il guidatore nella ricerca di una stazione di ricarica, comunicando la sua posizione. Infine, la Digital Key consente di usare lo smartphone o lo smartwatch per aprire la vettura e avviare/spegnere il motore. Volkswagen ha migliorato l’attuale Park Assist, creando il Trained Parking. Oltre a controllare lo sterzo durante le manovre di parcheggio, il sistema utilizza una videocamera, integrata nello specchietto retrovisore, per registrare le manovre più frequenti che verranno effettuate dal computer in maniera quasi autonoma. In futuro, il guidatore non dovrà più rimanere nell’abitacolo, ma potrà monitorare le manovre con uno smartphone.

In attesa delle dashboard con Android Auto e Apple CarPlay, Volkswagen ha immaginato il sistema di infotainment del futuro mostrando il concept Golf R Touch, in cui sono stati integrati tre display, uno da 12,8 pollici con risoluzione 2560×1700 pixel per la console principale, un secondo da 8 pollici per i controlli del veicolo e un terzo da 12,3 pollici con risoluzione 1920×720 pixel per la strumentazione digitale. Una videocamera 3D montata sotto il tetto riconosce le gesture del guidatore, eliminando in pratica la necessità di toccare gli schermi.

Ti potrebbe interessare
Apple acquista Quattro Wireless per aggredire il mercato del mobile-web
Apple

Apple acquista Quattro Wireless per aggredire il mercato del mobile-web

Il recente acquisto di Quattro Wireless da parte di Cupertino, a seguito della chiacchierata acquisizione di Lala, conferma le intenzioni dell’azienda di entrare a pieno titolo nel mercato dei guadagni Web, soprattutto in termini di streaming. L’operazione, stimata in 275 milioni di dollari, dovrebbe fornire ad Apple tutto il know-how necessario per dominare questo nuovo

Apple nel mercato degli schermi TV?
iphone televisione

Apple nel mercato degli schermi TV?

Per i sostenitori dell’azienda di Cupertino è possibile che siano in arrivo alcune interessanti novità. A quanto pare, un gruppo di analisti americani ha previsto l’ingresso di Apple nel mercato degli apparecchi televisivi.Dal 2011 una fetta di tale business potrebbe appartenere alla mela, che punta ormai su uno stile (si potrebbe definirlo iLife) divenuto il

Come Google decide di tagliare i progetti
Web e Social

Come Google decide di tagliare i progetti

Qualche tempo fa è apparsa in rete la notizia che Google stava per dismettere alcuni dei suoi servizi, come Lively, Jaiku e Notebook.Ma vi siete mai chiesti le ragioni di queste decisioni? alcune risposte arrivano da un articolo, apparso sul sito del New York Times, che svela alcuni motivi che fanno luce su questo argomento.In

Alternative gratuite a Mobile Me…
Apple

Alternative gratuite a Mobile Me…

Mobile Me è un servizio sicuramente interessante, nonostante le numerose imperfezioni e i ricorrenti difetti di gioventù. Per quanto pregevole è un servizio che costa 79 ?/anno.Cifra probabilmente onesta considerando la gamma di servizi e la facilità d’uso, ma se non avete bisogno di tutte le sue funzionalità molto probabilmente potrete trovare in rete alternative

Internet piace agli italiani
Web e Social

Internet piace agli italiani

L’ultimo rapporto Istat rivela un crescente interesse degli italiani per il personal computer e per Internet. Aumenta infatti il numero delle persone che si collega da casa, mentre ormai la quasi totalità delle medie e grandi aziende è già in Rete.