Kumho Maxplo: un concept di pneumatici “morphing”

Presentato al concorso A’ Design Award un concept di pneumatici in grado di cambiare forma per adattarsi al meglio alle varie condizioni della strada.

Parliamo di

Gli pneumatici sono l’unico vero punto di contatto tra il veicolo e la strada, per questo costituiscono una delle parti più importanti della vettura. Una perfetta aderenza con l’asfalto è un requisito fondamentale e imprescindibile per garantire la sicurezza di chi viaggia: ecco perché nei paesi più freddi e nevosi (compreso il nostro) durante la stagione invernale è necessario montare gomme con una mescola adatta alle temperature più rigide.

Il concept Kumho Maxplo proposto per il concorso italiano A’ Design Award ha la capacità di cambiare forma per adattarsi alle differenti condizioni di guida: con fondo bagnato, fangoso, ghiacciato, innevato ecc. L’obiettivo è ovviamente quello di offrire in ogni caso un grip ottimale. Su una strada completamente asciutta, lo pneumatico sembra del tutto normale (se non si tiene conto del look futuristico), ma in caso di pioggia il profilo si modifica e rivela canali atti a favorire il deflusso dell’acqua, così da scongiurare il rischio di perdere il controllo a causa del pericoloso fenomeno dell’aquaplaning. Su tratti off-road, invece, le diverse sezioni che compongono la ruota si allontanano tra loro (come visibile nelle immagini seguenti), pur restando ben ancorate alla struttura centrale, così da ampliare l’area della superficie che poggia sulla strada e aumentare in questo modo l’aderenza del mezzo

In termini di dimensioni, uno pneumatico di questo tipo misurerebbe 700x700x250 mm e peserebbe circa 12 Kg. Utilizzare il condizionale è d’obbligo, almeno per ora, poiché si tratta di un concept al momento non destinato alla commercializzazione. Kumho Tyre ha comunque dichiarato di voler prendere spunto da un’innovazione di questo tipo per migliorare entro i prossimi anni i prodotti destinati alle vetture tradizionali. La gomma è anche “air free”, ovvero non contiene al suo interno una camera d’aria: questo la mette al sicuro dal rischio di forature rispetto alle soluzioni tradizionali.

Ti potrebbe interessare
Pandigital presenta i tablet Planet, Star e Nova
Google

Pandigital presenta i tablet Planet, Star e Nova

Pandigital, produttore statunitense specializzato nella distribuzione di dispositivi portatili e nella pubblicazione di eBook, ha presentato nei giorni scorsi tre nuovi tablet basati su sistema operativo Android: Planet, Star e Nova, ai quali si aggiungerà più avanti un quarto modello denominato Super Nova, del quale al momento non si conoscono le specifiche.

Cius: un tablet per professionisti da Cisco
Android

Cius: un tablet per professionisti da Cisco

Anche Cisco entra nel giro dei tablet e, dopo alcune voci di corridoio risalenti al periodo primaverile, ha ufficializzato Cius, un dispositivo con display da 7 pollici che sarà supportato dal sistema operativo Android.Cisco lavora prevalentemente in ambiti professionali, ed è per questo che Cius avrà a disposizione i migliori strumenti per le videoconferenze: una

In 3.600 in webcast per le Venice Sessions
Web e Social

In 3.600 in webcast per le Venice Sessions

Tremilaseicento spettatori collegati in webcast. Questo il vero dato che emerge dalla quarta edizione delle Venice Sessions che si sono tenute a Venezia la settimana scorsa. Questa volta il tema in discussione era “Il futuro dei media nell’era digitale”. Apparentemente un evento per specialisti, cui hanno partecipato grandi nomi come David Weinberger, Sir Martin Sorrell,