Toyota, freni automatici su tutte le auto nel 2017

Toyota intende anticipare i produttori americani offrendo la frenata automatica su tutti i suoi modelli entro la fine del 2017.

Toyota (anche Lexus) prevede di integrare il sistema di frenata automatica in tutti i suoi modelli entro la fine del 2017. Il colosso giapponese dell’auto accelera sulla sicurezza e punta a battere quanto di recente siglato presso la Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration) assieme ai produttori di auto americani per garantire che tutti i modelli di auto entro il 2022 dispongano di un sistema di frenata automatica. Per la Toyota trattasi di un impegno importante anche perchè il sistema di frenata automatica (AEB) è oggi offerto solo come optional (Toyota Safety Sense e il Lexus Safety System+) per selezionati modelli.

Portare questo importante sistema di sicurezza su tutti i modelli in produzione, in così poco tempo, richiederà, infatti uno sforzo notevole. In realtà, secondo Toyota non proprio tutte le sue autovetture potranno disporre di questo importante sistema di sicurezza entro la fine del 2017. Saranno 25 modelli su 30 a poter disporre di questo importante standard di sicurezza. Maggiori dettagli sulle precise tempistiche dell’arrivo di questo importante sistema di prevenzione delle collisioni su ogni modello della gamma Toyota, saranno comunicati dall’azienda progressivamente all’avvicinarsi del loro debutto.

I sistemi di frenata automatica, si ricorda, sfruttano una serie di sensori che identificano una potenziale fonte di rischio agendo automaticamente sull’auto frenandola per evitare l’ostacolo. Un sistema di sicurezza che dovrebbe consentire di rendere la guida più sicura e diminuire il rischio di incidenti.

Trasformare in uno standard un sistema sino ad ora visto come optional solo per i modelli di auto più costose significa poter garantire agli utenti un maggiore livello di sicurezza indipendentemente dal tipo di autovettura che sceglieranno.

Ti potrebbe interessare
BlackBerry App World: temi in vendita dal 9 novembre?
Google

BlackBerry App World: temi in vendita dal 9 novembre?

Da quando BlackBerry non è più sinonimo di “serio telefono cellulare da manager”, il mondo che ruota attorno ai telefoni cellulari di RIM sta cambiando sempre più velocemente. L’approdo nel mercato consumer ha portato a netti cambiamenti sia per quanto riguarda il design (la maggior parte dei “manager” è impaurita dall’arrivo del touchpad al posto

AMD critica il Dunnington di Intel
amd cpu intel

AMD critica il Dunnington di Intel

Come anticipato in un precedente articolo, Intel ha presentato il processore a sei core Dunnington con il nome commerciale Xeon 7400.Ultimo esponente della famiglia Penryn prima dell’arrivo di Nehalem, questo chip è formato da tre core Penryn dual core a 45 nanometri, per un totale di 1,9 miliardi di transistor.Nella versione a 2,66 GHz arriva