Cosa sono le lenti asferiche

Cosa sono le lenti asferiche, perchè si usano e in che modo migliorano le nostre fotografie

Quando ci si avvicina alla fotografia spesso ci si ritrova a dover decifrare termini, sigle e abbreviazioni che in un primo momento possono sembrare cose molto complesse. La nostra rubrica dedicata ai termini fotografici nasce proprio per fare un po’ di chiarezza, per capire a grandi linee a cosa si riferiscono certi termini con una spiegazione semplice e intuitiva senza perdersi troppo tra calcoli e spiegazioni che, spesso, non fanno altro che confondere. Oggi ci occupiamo delle lenti asferiche, molto comuni negli obiettivi delle macchine fotografiche, nei telescopi ed anche negli occhiali.

L’aberrazione sferica si presenta quando le lenti hanno una curvatura sferica, in questo caso i raggi di luce che colpiscono le zone marginali dell’obiettivo sono focheggiati su un punto leggermente diverso, si può rimediare chiudendo il diaframma e usando quindi solo la parte centrale dell’ottica.

Un rimedio più efficace però è l’impiego delle lenti asferiche che sono delle particolari lenti, mediamente più sottili di quelle sferiche, che servono per diminuire le aberrazioni ottiche grazie ad una superficie più omogenea. Usando le lenti asferiche nella costruzione di un obiettivo si diminuiscono sensibilmente le distorsioni, inoltre una lente asferica può sostituire un buon numero di lenti sferiche, l’obiettivo aumenta nel prezzo ma la qualità migliora parecchio, inoltre è anche molto più leggero.

Fonte | nadir
Foto | fotografareindigitale, personalvisions, nadir, fotografareindigitale

Ti potrebbe interessare
La visione di Canon sul futuro del mercato fotografico
Domani Imaging

La visione di Canon sul futuro del mercato fotografico

Nikkei, media giapponese, ha intervistato Fujio Mitarai, CEO di Canon, sul futuro del mercato fotografico. Mitarai ha una visione condivisa da molti, supportata oltretutto dal riscontro delle vendite: il volume del mercato amatoriale si starebbe riducendo del 10% ogni anno e questa tendenza è destinata a continuare anche per il prossimo biennio. Dall’altro lato però