Renault investe su Intel per l’auto connessa

Renault potenzia lo sviluppo dell’auto connessa del futuro acquisendo le attività francesi di Intel specializzate in software di bordo.

Renault investe su Intel per sviluppare l’auto connessa del futuro. La casa automobilistica francese, infatti, ha annunciato la sottoscrizione di un accordo definitivo nella prospettiva dell’acquisizione delle attività di R&S di Intel in Francia, relative a software di bordo, realizzate nei siti di Tolosa e Sophia-Antipolis. Con tale acquisizione, il Gruppo Renault disporrà di tutte le competenze necessarie per potenziare lo sviluppo della nuova generazione di software di bordo nei suoi veicoli, capaci, in particolare, di proporre servizi personalizzati e di effettuare aggiornamenti a distanza, in totale autonomia e in tempo reale, senza intervento di terzi.

Le équipe di R&S di Intel in Francia, che vantano grande esperienza in tema di creazione e sviluppo di software, hanno solide basi, complementari rispetto a Renault. Esse apporteranno al Gruppo know-how, esperienza, metodologie e strumenti, oltre alle loro reti di fornitori, di laboratori e di imprese partner. Alcune équipe, tra l’altro, dispongono già di competenze applicate al settore dell’industria automobilistica nel campo del multimediale e della connettività. Quest’operazione sarà realizzata tramite l’acquisizione da parte del Gruppo Renault di una Società creata di recente da Intel, in cui saranno trasferite le attività di R&S inerenti ai software di bordo, esercitate nei siti di Tolosa e Sophia Antipolis in Francia. La Società farà capo alla Direzione Engineering dei Sistemi Alleanza del Gruppo Renault.

Il perfezionamento di tale acquisizione resta soggetto alle condizioni abitualmente applicabili a questo tipo di operazioni e dovrebbe intervenire entro la fine del secondo trimestre 2017.

Ti potrebbe interessare
WHDI: l’alta definizione su rete Wi-Fi
hdtv

WHDI: l’alta definizione su rete Wi-Fi

Amimon è un’azienda israeliana che ha investito 10 milioni di dollari nel proprio progetto per la creazione di chip video ad alta definizione per reti wireless. La società ha annunciato, nello scorso maggio, la sua seconda generazione di chipset per la loro Wireless Home Digital Interface (WHDI), che può trasferire video in HD a 1080p,

Anche Logitech costretta a licenziare
logitech

Anche Logitech costretta a licenziare

Oramai i piani di ridimensionamento del personale sono all’ordine del giorno e probabilmente conseguenza della crisi profonda in cui è caduta l’economia mondiale.Nemmeno Logitech, come Microsoft e tante altre, è immune da ciò. Infatti stando alle notizie, la società si appresta a licenziare 500 dipendenti.