La nuova Nissan Leaf parcheggerà da sola

Nissan comunica che la nuova Nissan Leaf disporrà del sistema ProPILOT Park che consentirà all’auto di effettuare da sola anche i parcheggi più complessi.

Parliamo di

Nissan continua a stuzzicare i suoi clienti con nuovi particolari che riguardano la nuova Nissan Leaf, il suo nuovo modello di auto elettrica che disporrà della piattaforma di guida autonoma ProPILOT 1.0. Attraverso un comunicato stampa, la casa giapponese sottolinea che la nuova Nissan Leaf disporrà anche della tecnologia ProPILOT Park che permetterà di agevolare anche i parcheggi più complessi.

Come spiega Nissan, tramite un sistema di sonar e telecamere, la nuova Nissan Leaf esegue qualsiasi tipo di parcheggio, a spina di pesce, a pettine, a “S” in retromarcia, riducendo lo stress del guidatore attraverso il controllo di acceleratore, freno e sterzo. Il guidatore attiva la tecnologia in tre semplici mosse, visiona l’area intorno al veicolo e frena se necessario. Il suo nuovo modello di auto elettrica dotato di piattaforma di guida autonoma avrà, dunque, un sofisticato sistema in grado di consentire parcheggi automatici in grado di aiutare il guidatore ad effettuare anche manovre di parcheggio molto complesse.

Un sistema che rende, dunque, questo modello sempre più interessante. Nissan ricorda, infine, che la presentazione della nuova Nissan Leaf è prevista per il prossimo 6 settembre. Secondo le più incessanti indiscrezioni, oltre ad un completo restyling estetico, il nuovo modello di auto elettrica della casa giapponese sarà aggiornato soprattutto sul fronte del motore elettrico e della capacità della batteria.

Rumors affermano che dovrebbe disporre di un pacco batterie da 60 Kwh in grado di assicurare un’autonomia decisamente superiore rispetto a quella dell’attuale modello.

Nissan, dunque, fa sul serio ed intende ribadire la sua leadership nel settore delle auto elettriche con un modello di auto particolarmente innovativo.

Ti potrebbe interessare
Joost: niente più inviti e prima beta pubblica
skype

Joost: niente più inviti e prima beta pubblica

Nel giorno in cui Niklas Zennstrom lascia Skype per concentrare le proprie energie in Joost, il client per la trasmissione video in P2P si apre al pubblico abbandonando il sistema ad inviti. Entro fine anno il CEO Mike Volpi si attende 2/3 mln di tester

XFX nForce 680i
motherboard

XFX nForce 680i

Negli ultimi periodi abbiamo parlato molto di schede madri ma focalizzandoci, per lo più, sulle P35 di Intel, che hanno riscosso un enorme successo anche e soprattutto per l’introduzione dei nuovi processori con FSB a 1333Mhz. Non dobbiamo però dimenticare che le schede nForce 680i sono delle validissime alternative, per qualcuno anche migliori, e che