Inghilterra, via le auto a combustibile dal 2040

Il Governo britannico intende puntare sulla mobilità elettrica vietando la vendita di auto a combustibile a partire dal 2040.

Dopo che la Francia aveva annunciato all’inizio di questo mese che progetta di proibire la vendita di nuove auto a benzina e diesel entro il 2040, ora il Governo britannico sta per annunciare misure simili questa settimana. La mossa è in risposta alla sempre più scarsa qualità dell’aria nel paese e soprattutto nelle zone più densamente urbanizzate come Londra. Un portavoce del Governo ha detto al Guardian che la scarsa qualità dell’aria è il più grande rischio ambientale per la salute pubblica nel Regno Unito e che questo governo è determinato a intraprendere azioni forti nel più breve tempo possibile.

In passato iniziative per ripulire l’aria avevano avuto scarsi risultati ma adesso il Governo inglese ha deciso di intensificare drasticamente i suoi sforzi arrivando a bloccare le vendite di auto nuove a combustibile fossile dal 2040. A questa data manca ancora molto ma come per la Francia trattasi di un’iniziativa del Governo e non solo di un obiettivo generico come quello della Norvegia che punta a fare lo stesso ma entro il 2025. Il Regno Unito ha recentemente iniziato anche a pensare a più iniziative per accelerare l’implementazione di autovetture elettriche concedendo la possibilità di installare punti di ricarica all’interno delle classiche stazioni di servizio.

Inoltre, nel Regno Unito c’è già un incentivo di 4500 sterline per l’acquisto di auto elettriche. Incentivo che ha permesso di aumentare sensibilmente il numero di auto elettriche presenti nel paese. Il nuovo progetto potrebbe prevedere anche nuovi incentivi per spingere le persone a passare alla mobilità elettrica.

Maggiori informazioni sui piani del Governo inglese sulla mobilità elettrica arriveranno nel corso della settimana.

Ti potrebbe interessare
Lo streaming online rimpiazza il P2P
Prezzi e tariffe

Lo streaming online rimpiazza il P2P

Il 2008 ha visto la consacrazione dei sistemi di filesharing, in particolare vi è stato un incremento esponenziale nell’utilizzo dei sistemi torrent, così come confermato dai record raggiunti dai principali tracker.Tuttavia l’anno passato ha decretato il successo dei sistemi di streaming online che hanno letteralmente rubato diversi utenti al P2P, almeno per quanto riguarda la

Scaduti i termini per l’asta dei 700Mhz
Prezzi e tariffe

Scaduti i termini per l’asta dei 700Mhz

E’ scaduto lunedì il termine per aggiudicarsi le frequenze da 700 megahertz messe all’asta dal governo federale USA. Confermata la partecipazione di Google, Cox Communications, Frontline Wireless e AT&T. Comcast è invece il grande escluso