QR code per la pagina originale

Apple investe in Finisar per i laser VCSEL

Il cospicuo investimento di Apple in Finisar pari a 390 milioni di dollari incrementerà la produzione del laser VCSEL usati per la fotocamera TrueDepth.

,

Con un comunicato ufficiale, Apple ha annunciato un cospicuo investimento in Finisar, fornitore dei VCSEL ovvero dei laser a cavità verticale a emissione superficiale che la compagnia di Cupertino usa per potenziale alcune delle nuove funzionalità più popolari nei dispositivi con la mela morsicata, tra cui Face ID, Animoji e la modalità Portrait che caratterizzano la fotocamera TrueDepth di iPhone X, ma anche la capacità di rilevazione della prossimità a bordo degli AirPods.

L’operazione consiste in un investimento di ben 390 milioni di dollari che saranno impiegati nella costruzione di un nuovo stabilimento di produzione in Texas, a Sherman, di oltre 60 mila metri quadrati che garantirà 500 nuovi posti di lavoro agli americani. L’importo ricevuto è parte del programma Advanced Manufacturing Fund di Apple, tramite cui la casa californiana metterà a disposizione un miliardo di dollari per promuovere l’innovazione nel segmento manifatturiero statunitense. Il primo investimento per tale programma era stato fatto in Corning.

Finisar utilizzerà la sovvenzione per incrementare la produzione dei chip laser VCSEL, tecnologia che a quanto pare Apple ritiene talmente importante per i propri device di nuova generazione da indurla a spendere una cifra davvero cospicua con l’obiettivo di diminuire il rischio che qualcosa possa non andare a proprio favore, in futuro. Ed è logico pensarla così: in fondo, lo ha evidenziato il COO di Apple stesso, Jeff Williams, che per l’occasione ha dichiarato:

La tecnologia VCSEL alimenta alcune delle tecnologie più sofisticate che abbiamo mai sviluppato e siamo entusiasti di collaborare con Finisar nei prossimi anni per spingere i confini della tecnologia VCSEL e le applicazioni che rende possibile. La tecnologia è fatta da persone e Finisar è un’azienda con una lunga storia alle spalle, che mette i dipendenti al primo posto e sostiene le comunità in cui opera. Siamo estremamente orgogliosi che il nostro coinvolgimento contribuirà a trasformare un’altra comunità americana in una centrale elettrica di produzione.

Per Apple, i rivoluzionari laser di Finisar hanno infatti un enorme potenziale. Nei mesi precedenti al lancio di iPhone X, diverse indiscrezioni avevano indicato che Apple aveva inizialmente delle difficoltà a garantire che le componenti della fotocamera TrueDepth potessero essere prodotte in quantità sufficienti tali da soddisfare la (enorme) domanda del mercato. Questo perché la produzione dei laser VCSEL richiede una delicatezza senza pari, pertanto appare chiaro come la mossa di Apple sia finalizzata a prevenire in futuro qualsiasi problematica in tal senso.

Si vocifera che l’azienda capitanata da Tim Cook stia lavorando a un nuovo iPad di fascia alta per il 2018 che adotterà molti elementi del design che caratterizzano iPhone X, tra cui il supporto integrato alla tecnologia Face ID, definita dal noto analista di KGI Securities Ming-Chi Kuo “anni avanti rispetto alle simili tecniche di riconoscimento facciale dei produttori di smartphone Android”, che le aziende rivali starebbero avendo particolarmente difficoltà a raggiungere a livello di qualità. Investendo in Finisar, Apple si assicura così dalla propria parte un partner attualmente considerato chiave per la realizzazione di funzionalità esclusive per i propri prodotti.

Fonte: Apple • Via: MacRumors • Immagine: Apple