QR code per la pagina originale

Chromecast: fix in arrivo per il problema WiFi

Google ha individuato il problema relativo ai dispositivi Chromecast che causa l'interruzione dell'attività per i router WiFi: in arrivo la correzione.

,

Nei giorni scorsi si è parlato di un problema che sta causando rallentamenti e disconnessioni per i router WiFi degli utenti in possesso di un dispositivo della linea Chromecast o equipaggiato con la tecnologia Cast per la trasmissione dei contenuti multimediali all’interno della rete domestica. Google interviene oggi in via ufficiale sulla questione, affermando di aver individuato la natura dell’intoppo.

Siamo a conoscenza di un problema che porta i dispositivi con tecnologia Chromecast a compromettere le performance delle reti WiFi.

Ad essere interessati dal problema sono gli utenti in possesso di uno smartphone Android e con un dispositivo dotato di tecnologia Cast connesso alla stessa rete WiFi, come i dongle della linea Chromecast oppure uno smart speaker della gamma Google Home. Confermata anche la causa del problema, che alcuni avevano ipotizzato essere l’invio anomalo di un grande quantitativo di dati in un lasso di tempo molto breve, tale da causare in alcuni casi l’interruzione del servizio di connettività, provocando così la perdita del segnale per tutto ciò che si trova all’interno della rete domestica. Insomma, una noia non di poco conto.

In alcune situazioni, un bug nel software Cast sui telefoni Android può erroneamente inviare un grande quantitativo di traffico di rete finendo col rallentare o impattare temporaneamente le reti WiFi. L’effetto specifico sul network dipende dal router.

Il bug ha comunque le ore contate: il gruppo di Mountain View conferma di averne individuato la natura e di essersi subito messo all’opera per rilasciare un fix nel minor tempo possibile: la distribuzione della patch correttiva è prevista per la giornata di oggi.

Il team ha identificato la causa del problema e si è attivato per rilasciare un fix, che sarà distribuito come aggiornamento tramite Google Play Services da giovedì 18 gennaio.

Fonte: Google • Via: Android Police