QR code per la pagina originale

iOS 11.2.6 risolve il bug del carattere indiano

iOS 11.2.6 è ora disponibile insieme ad altri update software di macOS, watchOS e tvOS per correggere il bug del carattere indiano Telugu.

,

Apple ha appena rilasciato iOS 11.2.6, un piccolo aggiornamento software per iPhone e iPad che include la correzione del problema causato dall’ormai noto carattere della lingua indiana Telugu, capace di bloccare il melafonino e di rendere inaccessibili applicazioni come Messaggi, Messenger e WhatsApp. Contemporaneamente la casa di Cupertino ha rilasciato aggiornamenti per watchOS, tvOS e macOS per impedire che il crash si verifichi anche su quelle piattaforme.

Nello specifico, iOS 11.2.6, watchOS 4.2.3, tvOS 11.2.6 e macOS High Sierra 10.13.3 sono da adesso tutti disponibili per il download sui dispositivi supportati. Su iPhone, il device più colpito dal curioso bug del simbolo indiano, l’update può essere scaricato gratuitamente via over-the-air andando su Impostazioni -> Generali -> Aggiornamenti software.

Le note indicano che sono due i bug corretti attraverso tale update: quello appunto causato da un determinato carattere della lingua indiana Telegu, che può provocare un arresto anomalo delle app (anche di terze parti) e nei casi più gravi anche un crash del sistema, e quello riguardante problematiche in cui determinate app di terze parti non riuscivano a connettersi ad accessori esterni.

Apple ha corretto il bug in iOS 11.3 e macOS 10.13.4, ma tali aggiornamenti sono ancora in fase di beta test e non verranno rilasciati fino alla primavera. Ma, nel frattempo, la scorsa settimana Apple aveva promesso un piccolo update software per correggere il bug, che ha reso i proprietari di iPhone oggetto di numerosissime prese in giro da parte dei fan Android e anche di Honor, marchio di proprietà Huawei, che attraverso un post ufficiale su Facebook ha approfittato del bug del simbolo indiano per sbeffeggiare la mela, con un’iniziativa di real time marketing forse non andata così bene come sperato.

Fonte: Apple • Via: Ars Technica • Immagine: Ame Kusanagy via Shutterstock