Jaguar I-Pace, guanto di sfida alla Tesla Model X

Jaguar I-Pace è la prima proposta 100% elettrica della casa inglese, un SUV ad alte prestazioni che si confronta direttamente con la Tesla Model X.

Il mercato delle auto elettriche si sta finalmente scaldando con l’arrivo di nuovi modelli sempre più interessanti. Dopo due anni dal suo primo concept di auto elettrica, Jaguar ha finalmente svelato ufficialmente la sua I-Pace. Trattasi di un SUV elettrico che si rivolge alla classica clientela del brand. Dunque, il nuovo Jaguar I-Pace punta alla fascia premium del mercato automobilistico che vuole abbracciare la mobilità elettrica, entrando in diretta concorrenza con la Tesla Model X.

Il modello di serie che sarà disponibile nel corso dell’anno, presenta specifiche in linea con quelle che più volte Jaguar aveva condiviso nel corso degli ultimi due anni. La Jaguar I-Pace dispone di un due motori elettrici, uno per asse, in grado di erogare complessivamente quasi 400 cavalli. Nel classico scatto da 0 a 100 Km/h, l’auto elettrica di Jaguar impiega solamente 4,8 secondi. Accelerazione davvero imponente possibile grazie alla coppia di 696 Nm subito disponibile. Jaguar ha voluto realizzare un SUV che non crei ansia da ricarica. Proprio per questo il costruttore ha integrato un pacco batterie da ben 90 kWh in grado di offrire un’autonomia di circa 480 km secondo il nuovo ciclo di omologazione WLTP. Questo significa che l’autonomia reale dovrebbe avvicinarsi, in condizioni medie, sui 400 Km.

Nessun problema anche per quanto riguarda la ricarica. Il pacco batterie della nuova Jaguar I-Pace supporta la ricarica rapida sino a 100 kWh in corrente continua e questo permette di poter ricaricare da 0 all’80% in soli 40 minuti. L’auto dispone di serie di un caricatore in corrente alternata da 7,4 kWh, ideale per le ricarica casalinghe che, però, permette di ricaricare la batteria molto più lentamente.

Per migliorare l’autonomia, la Jaguar I-Pace è stata particolarmente studiata dal punto di vista aerodinamico e dispone di una struttura in lega leggera che ha permesso di ridurne il peso. L’auto dovrebbe offrire anche un grande piacere di guida visto che sono disponibili le sospensioni attive (optional).

Jaguar, da sempre un brand votato all’eleganza e all’innovazione, ha cercato di distinguere la sua nuova I-Pace integrando il meglio che la tecnologia può offrire. L’auto elettrica dispone di un sistema infotelematico di ultimissima generazione, InControl Touch Pro Duo, con doppio display, che la casa automobilistica aveva già fatto debuttare sulla Range Rover Velar. Inoltre, il sistema infotelematico integra l’assistente Alexa che permetterà di ottenere informazioni sullo stato di carica del veicolo attraverso dei semplici comandi vocali, sfruttando tutti i dispositivi abilitati all’utilizzo di questo assistente vocale. Inoltre, I-Pace sarà la prima Jaguar ad ottenere aggiornamenti software via OTA.

La nuova Jaguar I-PACE può essere preordinata in Inghilterra ad un prezzo base di 63.495 sterline, cioè a poco più di 70 mila euro.

Un modello interessante anche se sicuramente non perfetto. Ma quello che è davvero importante, però, è che finalmente le case automobilistiche hanno iniziato a lanciare nuovi modelli di auto elettriche in grado di mettere un po’ di “pepe” a questo settore.

Ti potrebbe interessare
Samsung GT-S8500: il primo terminale con Bluetooth 3.0
Google

Samsung GT-S8500: il primo terminale con Bluetooth 3.0

Samsung GT-S8500 si presenta come il primo cellulare dotato di interfaccia Bluetooth 3.0, che propone alcune novità e caratteristiche rinnovate, tra le quali spicca il protocollo ad elevata velocità per il trasferimento di file di grosse dimensioni.Il terminale utilizza un touchscreen OLED ampio 3,1 pollici per consentire una riduzione del consumo di potenza e migliorare

Google inciampa sull’EULA
Web e Social

Google inciampa sull’EULA

Diciamocelo. Una volta letta la “Sezione 11” dell’EULA di Google Chrome, o si urlava allo scandalo rimuovendo subito il browser installato (perchè si da per scontato che nessuno abbia letto l’EULA prima di installarlo), oppure si pensava “avranno sbagliato qualcosa”.La B era la risposta giusta.Google ha spiegato che si è trattata di una “piccola ingenuità”,

Una strategia per la banda larga
Prezzi e tariffe

Una strategia per la banda larga

Il Ministro delle Comunicazioni in un recente articolo fa il punto su questa delicata questione mentre un internet provider degli Stati Uniti tenta di arginare il download selvaggio degli utenti con connessioni flat.