QR code per la pagina originale

Google: i post dei musicisti nelle SERP

Da oggi è possibile consultare i post pubblicati dai musicisti direttamente all'interno del Knowledge Panel di Google, in seguito a una semplice ricerca.

,

Google non è ormai più da molto tempo un semplice motore di ricerca, una semplice interfaccia alla quale affidarsi digitando una query e ottenendo in risposta un semplice e freddo elenco di collegamenti verso pagine nell’iperspazio. È oggi una piattaforma che offre un accesso rapido e intelligente alle informazioni, talvolta senza nemmeno costringere l’utente a visitare un sito esterno.

È quanto accade anche con la nuova iniziativa messa in campo dal gruppo di Mountain View e annunciata sulle pagine del blog ufficiale. Si tratta dell’inclusione dei post dei musicisti direttamente nelle SERP (pagine dei risultati), così che il navigatore può consultare senza ulteriori click (o tap) gli ultimi interventi dei suoi beniamini e gli aggiornamenti in merito alla loro attività. La GIF allegata di seguito fornisce un buon esempio: cercando “Sia” nel motore di ricerca compaiono attraverso il proprio smartphone, oltre alle schede relative a biografia e produzione discografica, anche i post più recenti.

Un esempio di come i post di musicisti, cantanti e band vengono integrati nelle SERP mostrate da Google in seguito a una ricerca

Un esempio di come i post di musicisti, cantanti e band vengono integrati nelle SERP mostrate da Google in seguito a una ricerca

Abbiamo condotto una prova su browser desktop e, come si vede di seguito, possiamo confermare che lo stesso accade anche su computer. I post sono raccolti all’interno del Knowledge Panel, finestra che ormai da tempo arricchisce le SERP con contenuti e informazioni di ogni tipo, ovviamente coerenti con la ricerca specificata. Tra coloro che hanno già iniziato a sfruttare la feature ci sono Lorde, Steve Aoki, Sia, Son Little, Sofi Tukker, Shakira e Kygo.

Lo stesso avviene anche effettuando una ricerca su band o musicisti tramite browser desktop

Lo stesso avviene anche effettuando una ricerca su band o musicisti tramite browser desktop

L’iniziativa rappresenta una sorta di espansione di Posts on Google, messa in campo da bigG un paio di anni fa in vista delle presidenziali negli Stati Uniti, per rendere più diretta la comunicazione degli allora candidati con i loro potenziali elettori.

Donald Trump su Google Posts

Donald Trump su Google Posts

Fonte: Google • Via: Engadget • Immagine: Onradio / iStock