QR code per la pagina originale

GIF animate: Google e l’acquisizione di Tenor

Il gruppo di Mountain View ha messo le mani su Tenor, una delle realtà più importanti per quanto riguarda la ricerca e l'utilizzo delle GIF animate.

,

Arriva direttamente dal blog di bigG l’annuncio di una nuova acquisizione messa a segno da parte del gruppo di Mountain View: si tratta questa volta di Tenor, una delle realtà più attive nel sempre vivace ambito delle GIF animate. Non è stata resa nota l’entità dell’investimento economico messo sul piatto per finalizzare l’operazione.

L’obiettivo è quello di rendere sempre più integrata ed efficace la ricerca di GIF animate all’interno di prodotti come il motore di ricerca o la tastiera Gboard. Ad oggi il servizio offerto da Tenor è integrato pressoché ovunque: da Twitter per l’inclusione delle immagini nei post fino alle chat di WhatsApp. Le ricerche effettuate, stando a quanto dichiarato dai vertici dell’azienda, hanno superato i dodici miliardi all’inizio di quest’anno. Di seguito un estratto in forma tradotta dell’intervento attraverso il quale Tenor conferma l’acquisizione.

La rapida crescita di Tenor dimostra come abbiamo appena iniziato a scalfire la superficie delle opportunità che ci attendono. Oggi annunciano l’acquisizione da parte di Google che ci consentirà di proseguire la nostra missione aiutando tutti i tre miliardi di utenti mobile a trovare il modo perfetto per esprimere se stessi in maniera visuale.

Il modo scelto da Tenor per annunciare l'acquisizione da parte di Google è ovviamente una GIF animata

Il modo scelto da Tenor per annunciare l’acquisizione da parte di Google è ovviamente una GIF animata

Tra le applicazioni del catalogo messo a disposizione da Google che potrebbero beneficiare dell’acquisizione di Tenor ci sono anche Allo e Messaggi, altri due strumenti dedicati alla comunicazione tramite smartphone.

L’acquisizione ci permetterà di accelerare i miglioramenti del servizio offerto da Tenor ai nostri utenti, ai partner API, a quelli relativi ai contenuti e agli advertiser. Tenor continuerà a operare come un brand separato per servirvi al meglio e continuerò a gestire il team di Tenor con i miei co-fondatori Erick Hachenburg e Frank Nawabi.

Fonte: Tenor • Via: Google