QR code per la pagina originale

Windows 10 Redstone 5, novità per Sets

Microsoft ha rilasciato agli Insider la nuova build 17639 di Windows 10 Redstone 5 che introduce molte novità per la funzione Sets.

,

In attesa del debutto ufficiale di Windows 10 Spring Creators Update, Microsoft continua lo sviluppo del prossimo step di Windows 10 che arriverà in autunno. La casa di Redmond ha dunque rilasciato agli Insider (Skip Ahead) la build 17639 di Windows 10 Redstone 5. Le novità di questa build si incentrano quasi esclusivamente su Sets, la nuova futura funzionalità del sistema operativo che permetterà di aprire e gestire all’interno di una sola finestra più applicazioni.

In questa nuova build, la funzione Sets guadagna il supporto al drag and drop grazie al quale sarà più facile gestire le applicazioni aperte nella stessa finestra. Adesso, gli utenti potranno anche utilizzare la combinazione di tasti Alt + Tab all’interno di ogni singola app presente nella finestra. Microsoft ha migliorato anche la gestione delle Impostazioni di questa nuova ed interessante funzionalità. Inoltre, grazie a molti feedback degli utenti, Microsoft ha semplificato l’apertura di una nuova scheda di Esplora Risorse. Gli utenti potranno utilizzare la combinazione di tasti CTRL+T, oppure cliccare sul simbolo +, oppure usare il menu File-> Apri nuova finestra.

La casa di Redmond ha introdotto alcune nuove opzioni al menu contestuale delle finestre aperte in Sets. Il gigante del software ha migliorato anche la gestione dell’apertura delle schede precedenti (Previous Tabs). Per esempio, gli utenti potranno scegliere quale riaprire, invece che ripristinarle tutte. Gli utenti potranno ripristinare le schede di tutte le attività e non solo dei documenti.

Quando si proverà a ripristinare un documento che in precedenza conteneva le schede, Windows 10 offrirà la possibilità di ripristinarle.

Accanto a queste novità di rilevo, la nuova build di Windows 10 Redstone 5 include anche molti correttivi, bug fix ed ottimizzazioni varie. Da evidenziare solamente la possibilità di visualizzare il livello di carica delle eventuali periferiche Bluetooth connesse.

Trattandosi di una build di sviluppo, il suggerimento è di testarla solamente all’interno di macchine dedicate.

Fonte: Microsoft • Immagine: charnsitr / Shutterstock.com