QR code per la pagina originale

Facebook: come capire se i dati sono stati rubati

Facebook ha predisposto un piccolo tool che permette di scoprire se i propri dati sono stati utilizzati da Cambridge Analytica.

,

Facebook ha iniziato a comunicare a 87 milioni di persone che le loro informazioni sono state utilizzate impropriamente da Cambridge Analytica, ma non tutti hanno ancora ricevuto questo importante avviso. Il social network ha fortunatamente messo a disposizione anche un ulteriore strumento che permette ai suoi iscritti di scoprire se i loro dati sono stati utilizzati da Cambridge Analytica.

Il Centro assistenza di Facebook include, adesso, una sezione che permette di capire se i propri dati o quelli degli amici sono stati utilizzati illecitamente dalla società Cambridge Analytica. Tutto quello che si dovrà fare è collegarsi a questo link e leggere il contenuto della pagina. In buona sostanza, questo piccolo strumento di Facebook permette di scoprire se l’utente o uno dei suoi amici ha mai utilizzato l’app “This Is Your Digital Life” che è stata sfruttata dal ricercatore Aleksandr Kogan per raccogliere i dati che poi sono stati passati in maniera illecita a Cambridge Analytica che li ha utilizzati per i suoi scopi.

Facebook, scoprire se i dati sono stati trafugati

Facebook, scoprire se i dati sono stati trafugati

Trattasi di uno strumento sicuramente utile che permette agli utenti di capire realmente se i loro dati sono stati trafugati oppure no. Facebook sta lavorando duramente per fare in modo che fatti analoghi non si verifichino più. Proprio per questo, il social network sta introducendo moltissime modifiche alla piattaforma e vigilerà su tutte le attività sospette delle applicazioni oltre a rafforzare le sue politiche in merito al trattamento dei dati. Inoltre, la società limiterà l’uso delle API della piattaforma per fare in modo che le app possano avere accesso ad un numero minore di dati.

Un lavoro sicuramente complesso e che richiederà molto tempo per essere portato a termine. Tuttavia, alla fine Facebook potrebbe davvero risultare un luogo molto più sicuro per gli iscritti.

Fonte: The Verge • Immagine: bombuscreative via iStock