QR code per la pagina originale

Netflix raggiunge i 125 milioni di abbonati

Netflix raggiunge i 125 milioni di abbonati in tutto il mondo, per un primo trimestre del 2018 davvero da record: ecco i traguardi raggiunti.

,

Netflix raggiunge un nuovo e importante traguardo, quello dei 125 milioni di abbonati a livello internazionale. È quanto il colosso dello streaming ha confermato, così come riporta CNN, nell’illustrare i risultati dei primi tre mesi del 2018. Un incremento del 50% rispetto allo stesso quarto dell’anno precedente, pronto a confermare come la strategia d’espansione del gruppo si stia rivelando davvero vincente.

Netflix si conferma come una società in continua crescita, pronta a catalizzare le attenzioni del pubblico a livello internazionale, grazie alle sue produzioni originali, la facilità d’uso, la compatibilità con un gran numero di dispositivi e il seguito raggiunto dagli appassionati fuori e dentro i social network. Nel primo trimestre del 2018, il colosso dello streaming ha conquistato altri 7.4 milioni di abbonati, raggiungendo quota 125 milioni a livello internazionale. Un successo che la stessa azienda non ha previsto, così come confermato dal CFO David Wells:

Il business è cresciuto più velocemente rispetto a quanto ci saremmo attesi.

La maggior parte dei nuovi abbonati, pari a 5.5 milioni, arriva dai mercati esteri di Netflix, anche se l’azienda continua a crescere anche in patria. Merito, così come già sottolineato, delle produzioni originali del gruppo: nel corso del primo quarto, infatti, il colosso ha lanciato 18 nuove serie, 11 nuove stagioni di serie già rotate, 14 film e molto altro ancora. Entro la fine dell’anno, potrebbero essere ben 700 i nuovi programmi disponibili, per una spesa che potrebbe raggiungere gli 8 miliardi di dollari, due in più rispetto ai 6 del 2017.

Non è però tutto poiché, oltre alle produzioni originali, Netflix ha stretto accordi di licenza con le terze parti, per ospitare sulla piattaforma titoli provenienti da altre case di produzione, per un totale di 17.9 miliardi di dollari. Mantenendo i prezzi identici rispetto all’ultimo aumento del 10%, avvenuto alla fine del 2018, la società ora punta su una crescita di altri 6.2 milioni di sottoscrittori per il quarto in corso.