QR code per la pagina originale

Daisy, il robot Apple che smonta 200 iPhone all’ora

Il nuovo robot di Apple, Daisy, disassembla con precisione e ricicla le parti preziose dei vecchi iPhone ad un ritmo di fino a 200 dispositivi all'ora.

,

A poche ore dalla Giornata della Terra 2018, Apple prosegue il suo impegno nei confronti dell’ambiente annunciando un nuovo robot di smontaggio capace di smantellare ben 200 iPhone all’ora. Denominato Daisy, è una versione più avanzata del robot Liam ed è è progettato per per recuperare componenti iPhone di alta qualità che persino i riciclatori tradizionali non riescono a recuperare.

Il robot Daisy fa parte degli sforzi che Apple sta conducendo per creare un pianeta più sano attraverso l’innovazione, aiutandola a muoversi verso il suo obiettivo di realizzare i propri dispositivi utilizzando solo materiali riciclati o rinnovabili. Gli smartphone con la mela morsicata contengono infatti molti minerali preziosi – come oro, rame, platino, litio, alluminio e acciaio – che possono essere riciclati e riutilizzati per creare nuovi device. Daisy non solo può smontare 200 iPhone ogni ora, ma anche rimuovere e ordinare i materiali senza danneggiarli durante il processo di disassemblaggio.

Se due anni fa la compagnia californiana stimava che il robot Liam fosse in grado di smantellare 1,2 milioni di iPhone ogni anno, Daisy è decisamente più efficiente in quanto la cifra di 200 melafonini all’ora si traduce in poco più di 1,75 milioni di dispositivi l’anno. Secondo quanto diramato da Apple:

Il nuovo robot di disassemblaggio di Apple, Daisy, è il modo più efficiente per recuperare più materiali preziosi memorizzati su iPhone. Creato attraverso anni di ricerca e sviluppo, Daisy incorpora una tecnologia rivoluzionaria basata sugli insegnamenti di Liam, il suo primo robot di disassemblaggio lanciato nel 2016. Daisy è prodotto da alcune parti di Liam ed è in grado di smontare nove versioni di iPhone e ordinare i componenti di alta qualità per la raccolta differenziata. Daisy può smontare fino a 200 dispositivi iPhone all’ora, rimuovendo e smistando i componenti, in modo che Apple possa recuperare materiali che i riciclatori tradizionali non possono fare – e con una qualità superiore.

Daisy avvia la scansione del telefono per elaborare il modello in modo che conosca l’esatta quantità, nonché il layout, delle componenti interne di cui è dotata. Utilizzando una vasta gamma di accessori e ventose, il robot quindi smonta il telefono con grande precisione, separando le varie parti e metalli, la maggior parte dei quali possono essere riutilizzati.

In occasione dell’annuncio di Daisy, l’azienda ha appena presentato l’Apple GiveBack, un’altra iniziativa orientata all’ambiente: per incentivare i clienti a riciclare i loro vecchi telefoni, la società promette di fare una donazione al Conservation International (senza scopo di lucro) per ogni iPhone consegnato nei negozi Apple e tramite apple.com fino al 30 aprile. Il credito potrà essere utilizzato dall’utente per un acquisto in negozio o per una gift card da utilizzare in futuro in Apple Store.

Fonte: Apple • Immagine: Apple