QR code per la pagina originale

ASUS ZenFone Live L1, smartphone con Android Go

Lo ZenFone Live L1 con schermo 18:9 da 5,5 pollici e processore Snapdragon 425 è il primo smartphone ASUS con sistema operativo Android 8.1 Go Edition.

,

ASUS ha annunciato in Indonesia un nuovo smartphone di fascia bassa, il primo basato su Android Go, la versione ottimizzata del sistema operativo Google per dispositivi con una dotazione hardware limitata. Si tratta dello ZenFone Live L1 (ZA550KL) con schermo 18:9. Il produttore ha comunicato che verrà distribuito anche in Europa, senza tuttavia specificare i paesi interessati.

Lo ZenFone Live L1 possiede un telaio in plastica e uno schermo Full View da 5,5 pollici con risoluzione HD+ (1440×720 pixel). Grazie allo spessore ridotto delle cornici (ma niente notch come negli ZenFone 5), le dimensioni complessive non superano quelle di uno smartphone con display 16:9 da 5 pollici. La dotazione hardware comprende un processore octa core Snapdragon 425, 1 o 2 GB di RAM e 16 GB di memoria flash, espandibili con schede microSD che possono essere inserite nello slot dedicato, dato che c’è un altro slot per due SIM.

Per la fotocamera posteriore è stato scelto un sensore da 13 megapixel e l’autofocus a rilevamento di fase (PDAF). La fotocamera frontale da 5 megapixel può essere sfruttata anche per lo sblocco dello smartphone tramite riconoscimento facciale, una funzionalità sempre più diffusa e considerata un’alternativa al lettore di impronte digitali (assente nello ZenFone Live L1). La connettività è garantita dai tradizionali moduli WiFi, Bluetooth, GPS e LTE. Presenti inoltre il jack audio da 3,5 millimetri e la porta micro USB.

La batteria ha una capacità di 3.000 mAh. Sulla versione con 1 GB di RAM è installato Android 8.1 Go Edition, mentre Android 8.1 Oreo è il sistema operativo per la versione con 2 GB di RAM. Lo smartphone sarà disponibile da metà maggio ad un prezzo non comunicato. Maggiori informazioni in merito arriveranno nelle prossime settimane.

Fonte: Phone Arena • Immagine: GiorgioMagini via iStock