QR code per la pagina originale

Twitter testa i messaggi diretti crittografati

Twitter potrebbe lanciare presto la possibilità di mandare messaggi diretti (DM) con crittografia end-to-end: la funzione è stata scoperta nell'app Android

,

Twitter starebbe testando una nuova funzionalità che potrebbe presto consentire agli utenti di inviare messaggi diretti con crittografia end-to-end, trasformando in tal modo l’app in un posto dove comunicare in forma privata senza temere per la propria privacy. Non è noto quando e se sarà lanciata pubblicamente ma è già codificata è pronta per l’uso, come scoperto nell’APK di Twitter per Android da Jane Manchun Wong, la studentessa di informatica che di recente ha anche scovato caratteristiche inedite su Instagram.

Nello specifico, all’interno del codice dell’app di Twitter per Android è stata trovata una funzionalità di “Conversazione segreta” che offre la crittografia end-to-end, permettendo teoricamente agli utenti di scambiare messaggi diretti crittografati e mettendo il noto servizio in concorrenza con app di messaggistica sicure come Signal, Telegram e WhatsApp. La scoperta è stata rivelata proprio con un tweet lanciato da Wong, la quale ha anche pubblicato uno screenshot della funzione:

L’apparizione dei DM crittografati arriva 18 mesi dopo che l’informatore Edward Snowden ha chiesto al CEO di Twitter Jack Dorsey di introdurla, richiesta che secondo Dorsey era «ragionevole e qualcosa a cui penseremo». Dunque, la società sembra esser ora passata dal pensare alla funzione al testarla: i messaggi diretti di Twitter sono divenuti un modo efficace per contattare un utente senza avere il suo numero di telefono o indirizzo email. È un servizio di messaggistica privata aperto, ma senza crittografia quei messaggi possono essere intercettati dai governi, dagli hacker o da Twitter stessa.

Aziende e sostenitori della privacy sostengono che la crittografia sia oggi essenziale per la protezione delle informazioni personali e delle comunicazioni effettuate online; peraltro, i funzionari governativi e le forze dell’ordine hanno ribattuto più volte che la crittografia ostacola le loro capacità di indagare su attività criminali e terroristiche. Con una mossa del genere, Twitter potrebbe dunque offrire ai suoi utenti un modo sicuro di comunicare e invogliare loro a restare sulla sua app, invece di andare dai servizi concorrenti per inviare quei messaggi che desiderano mantenere privati.

Contattata a riguardo, la società si è rifiutata di commentare ma secondo le indiscrezioni la funzione potrebbe arrivare pubblicamente presto, dato che probabilmente basterebbe ormai solo implementarla attraverso un aggiornamento.

Fonte: TechCrunch • Immagine: wundervisuals via iStock