QR code per la pagina originale

YouTube e la feature “La musica in questo video”

Una nuova funzionalità introdotta dalla piattaforma con l'obiettivo di migliorare l'attribuzione dei credit ad artisti, autori, etichette ed editori.

,

Una mossa che mira a dar maggior riconoscimento e visibilità a coloro che hanno contribuito al processo creativo nella realizzazione di un brano, fornendo ad artisti e autori l’opportunità di raggiungere segmenti di pubblico diversificati. È questo l’obiettivo di “La musica in questo video”, una nuova funzionalità introdotta da YouTube per l’attribuzione dei credit ad artisti, autori, etichette ed editori.

È già attiva su circa mezzo miliardo di video contenenti musica, accessibile con un semplice tocco sulla voce “Mostra altro” che accompagna ogni filmato in streaming. Come visibile nello screenshot allegato di seguito, ci sono informazioni dettagliate sul titolo del brano, sull’artista, sugli autori e sulle etichette. Laddove disponibili compaiono anche i link al canale e al video ufficiale, nel caso in cui la canzone fosse inclusa in una clip prodotta e condivisa da soggetti terzi. Alla base di tutto c’è l’ormai ben nota e collaudata tecnologia di Content ID, che da anni permette a chi detiene il copyright di gestire i propri contenuti sulla piattaforma.

La funzionalità "La musica in questo video" introdotta da YouTube migliora l'attribuzione dei credit ad artisti, autori, etichette e editori

La funzionalità “La musica in questo video” introdotta da YouTube migliora l’attribuzione dei credit ad artisti, autori, etichette e editori (immagine: Google Blog Italia).

La nuova feature debutta proprio nelle ore che vedono Google annunciare quella che può essere definita come una vera e propria rivoluzione per YouTube, con l’arrivo a breve di due nuove formule di abbonamento: Premium e Music. Quest’ultima andrà con tutta probabilità a rimpiazzare Play Musica Unlimited, mantenendone però le funzionalità e l’archivio.

Per YouTube è importante dare la giusta visibilità a tutte le persone che hanno contribuito al processo creativo, ed è solo l’inizio. Grazie alla collaborazione con l’industria musicale miglioreremo la quantità e la qualità delle informazioni per assicurarci che tutti i creatori di contenuto siano presenti nei riconoscimenti nel modo più esaustivo e accurato possibile.

Fonte: Google Blog Italia