QR code per la pagina originale

PornHub lancia una VPN gratuita e illimitata

PornHub lancia VPNhub, una rete privata gratuita e a traffico illimitato non solo destinata alla visione di contenuti per adulti: ecco come funziona.

,

La protezione dei propri dati personali non è mai troppa, soprattutto quando si sfruttano reti pubbliche o, ancora, ci si lancia nella visione di contenuti per adulti. Per questo motivo, PornHub ha deciso di entrare nel settore delle VPN, lanciando un proprio servizio gratuito e illimitato: VPNhub. La proposta del sito per adulti è compatibile sin da subito con Windows e Mac, nonché con i dispositivi mobile iOS e Android.

Così come già accennato, l’accesso a VPNhub è gratuito e senza soglie di traffico, anche se PornHub ha comunque pensato a una versione Premium, al momento destinata agli Stati Uniti, per rimuovere annunci pubblicitari a fronte del pagamento di una piccola somma mensile. Secondo quanto riferito da Engadget, VPNhub può oggi contare su oltre 1.000 server in 15 nazioni e, stando a quanto confermato dall’azienda, il network privato non raccoglierà dati degli utenti né log relativi alla loro navigazione.

Nonostante il servizio sia associato al portale di streaming video per adulti, la VPN di PornHub non servirà unicamente per vedere filmati a tripla X. Così come specificato sul sito ufficiale del servizio, VPNHub funziona in modo analogo alle comuni VPN e permette, pertanto, di accedere a qualsiasi sito e usare qualsiasi applicazione quando attiva.

Sempre Engadget spiega come VPNHub sia disponibile da oggi a livello mondiale, tranne in quei Paesi dove di recente, su decisione dell’amministrazione di Donald Trump, le aziende statunitensi non possono operare. Fra queste nazioni come Birmania, Cuba, Iran, Corea del Nord, Sudan e Siria. Dai social network, tuttavia, si apprende come al momento il servizio non risulti comunque raggiungibile in Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Cina. Al momento, non si hanno dati sulle effettive performance di navigazione una volta collegati alla VPN di PornHub: per i primi report dettagli bisognerà, con tutta probabilità, attendere ancora qualche giorno.

Fonte: VPNHub • Via: Engadget • Immagine: sakkmesterke via Shutterstock