QR code per la pagina originale

Si scrive Battlefield V, non 5: V come Vittoria

I profilo ufficiale della serie spiega perché il nuovo sparatutto si chiama Battlefield V e non Battlefield 5, chiamando in causa Winston Churchill.

,

È un errore che abbiamo commesso anche su queste pagine parlando dell’annuncio ufficiale: non si scrive Battlefield 5, ma Battlefield V. A precisarlo è il profilo ufficiale della serie su Twitter, che con un breve post spiega le ragioni che hanno spinto alla scelta di impiegare il numero romano.

Prima di capirne il motivo, una breve parentesi sulla scelta di una protagonista femminile per l’artwork del gioco e per le sequenze filmate viste finora: secondo Electronic Arts e DICE ci sarà sempre più spazio per le donne all’interno della serie, avendo loro ricoperto ruoli importanti durante i conflitti del passato. In particolare, la trama di BFV si concentrerà sugli avvenimenti meno noti della guerra che ha tenuto sotto scacco l’intero pianeta dal ’39 al ’45.

Tornando alla scelta di sottolineare come il nome corretto del nuovo FPS sia Battlefield V, la motivazione fornita su Twitter fa riferimento al primo ministro britannico Winston Churchill e a un gesto di buon auspicio utilizzato dalle forze alleate nel corso della seconda guerra mondiale.

V rappresenta “V per Vittoria”.  Una frase e un segno resi popolari da Winston Churchill, utilizzato dalle forze alleate per gran parte della seconda guerra mondiale. È anche il motivo per cui abbiamo scelto il numero romano V al posto di 5 per il titolo.

Ecco il trailer di presentazione, carico di adrenalina e momenti intensi. La data di uscita è fissata per il 19 ottobre sulle piattaforme PC, PlayStation 4 e Xbox One. Coloro che effettueranno l’acquisto in pre-ordine potranno partecipare alla Open Beta e ottenere altri benefit in-game.

In chiusura una galleria contenente una serie di screenshot utili per dare un primo sguardo alle ambientazioni e ai protagonisti di Battlefield V, rappresentati con particolare cura nei dettagli.