QR code per la pagina originale

Fastweb Mobile, nuova tariffa a consumo

Fastweb Mobile propone ai suoi clienti una tariffa a consumo che non richiede il vincolo della carta di credito e che propone costi interessanti.

,

Fastweb Mobile si è reso protagonista, di recente, del lancio di nuove offerte tariffarie con obiettivo di offrire di più ai suoi clienti senza, però, aumentare il prezzo. Tuttavia, l’operatore virtuale ha lanciato anche un’altra novità che però non ha avuto lo stesso risalto mediatico, nonostante sia altrettanto interessante. Accanto ai canonici piani che includono chiamate, messaggi ed Internet, Fastweb Mobile ha lanciato anche un nuovo piano a consumo.

Trattasi di “Mobile a consumo“, una tariffa che non obbliga i clienti ad abbinare obbligatoriamente una carta di credito, un vincolo spesso poco apprezzato. I costi, infatti, saranno addebitati sul credito residuo. Trattandosi di un’offerta a consumo non è incluso del traffico prepagato di alcuni tipo. Questo significa che chiamate, SMS e Internet si pagheranno in base al loro effettivo utilizzo. Rispetto a quello che lascerebbe intendere una tariffa del genere, i costi sono molto interessanti. Le chiamate, senza scatto alla riposta, sono tariffate a 5 centesimi di euro al minuto con tariffazione al secondo. Anche gli SMS costano 5 centesimi di euro l’uno.

Per quanto riguarda la navigazione su Internet, l’operatore virtuale Fastweb Mobile farà pagare 94 centesimi di euro ogni MB consumato. Non si tratta certamente di un piano adatto a chi naviga molto sul web ma presenta costi interessanti per chi ha bisogno di effettuare ogni tanto qualche chiamata. Inclusi nell’offerta il servizio WOW FI, la segreteria telefonica, il servizio “Ti ho chiamato” ed il controllo del credito residuo. Nessuna penale per la disdetta della tariffa.

La tariffa “Mobile a consumo” di Fastweb Mobile prevede solamente un costo una tantum di 21 euro per l’acquisto della SIM (5 euro) e per la prima ricarica (16 euro).

Maggiori dettagli direttamente sul sito ufficiale dell’operatore virtuale.

Fonte: MVNONEWS • Immagine: TATSIANAMA via Shutterstock