QR code per la pagina originale

Plintron, arriva un nuovo operatore virtuale

Nel 2019 dovrebbe debuttare in Italia il nuovo operatore virtuale Plintron che offrirà i suoi servizi di rete a chi vuole diventare un nuovo operatore.

,

Sta per debuttare in Italia un nuovo operatore virtuale che dovrà operare in un mercato sempre più complesso e competitivo. Trattasi di Plintron, un brand forse poco noto in Italia ma che è ben conosciuto all’estero. Plintron, infatti, oggi è il più grande MVNE (Mobile Virtual Network Enabler) multinazionale. Una società che gestisce più di 100 milioni di linee in Europa. Presente in 26 Paesi, da tempo è attivo anche in Italia con il nome di Plintron Italy Srl.

Adesso, in Italia, Plintron ha fatto un passo in più ed ha ottenuto la licenza di Full MVNO dal MISE e contestualmente ha ottenuto anche il suo prefisso personale 376.0. Il lancio, secondo MVNONEWS che ha riportato in esclusiva la notizia, è atteso per il mese di marzo 2019. In particolare, per il 18 marzo 2019 è attesa l’apertura della possibilità di poter effettuare la portabilità del numero. Tuttavia, chi pensa che Plintron entrerà in concorrenza con Ho. Mobile, Kena Mobile o PosteMobile, sbaglia. Questo nuovo operatore virtuale, infatti, non entrerà nel mercato direttamente ma supporterà tutti coloro che puntano a voler diventare, in Italia, operatori virtuali.

Lavorerà, dunque, come Enabler (MVNE) ed offrirà costi molto competitivi. In buona sostanza, per tutte le aziende che intendono diventare un operatore virtuale, Plintron offrirà tutto quanto serve con soluzioni e costi scalabili e con un modello basato sul numero dei clienti attivi o sul numero degli apparati IoT gestiti.

Secondo la fonte, questo nuovo player del mercato dovrebbe appoggiarsi alla rete di Vodafone per offrire i suoi servizi. Viste le sue particolari politiche di prezzi e visto il crescente livello di competitività del mercato, soprattutto dovuto all’arrivo di Iliad, Plintron potrebbe far gola non solamente ai nuovi soggetti ma anche a molti attuali piccoli operatori virtuali che cercano una nuova soluzione per abbattere i costi e rimanere competitivi.

Nei prossimi mesi se ne saprà sicuramente di più.