QR code per la pagina originale

Mirror, lo specchio diventa personal trainer

Mirror è una sorta di specchio intelligente e interattivo che promette di portare in casa un personal trainer digitale.

,

Spesso gli amanti del fitness, dopo ore e ore di palestra, si soffermano diversi minuti allo specchio per controllare minuziosamente le condizioni atletiche del proprio fisico. E se lo specchio potesse non solo riflettere la nostra immagine, ma trasformarsi in un personal trainer?

È l’idea che sta alla base di Mirror, una sorta di specchio intelligente e interattivo che promette di portare in casa un personal trainer digitale. Il prodotto hi-tech, prodotto dall’azienda Mirror, ha l’obiettivo di offrire agli utenti un’alternativa più economica, comoda e “casalinga” della tradizionale palestra.

Il tutto con un tocco di design: lo specchio Mirror è infatti anche un valid elemento di arredo quando non utilizzato per la sua funzione di personal trainer digitale. Si tratta nello specifico di uno schermo verticale di 40 pollici con risoluzione full HD, ma che – stranamente – non presenta alcuna funzionalità touch.

Da spento, quindi, Mirror si presenta come un comunissimo specchio verticale da salotto. Accendendolo si potrà invece accedere ad una serie di esercizi di fitness presentati da un allenatore virtuale. Ovviamente a fianco del personal trainer si vedrà l’immagine riflessa dell’utente, che si vedrà mentre è intento a svolgere i faticosi esercizi richiesti dall’allenatore digitale.

I più attenti potranno inoltre acquistare Mirror con una fascia toracica acquistabile a parte e che funziona da cardiofrequenzimetro. Tramite connettività bluetooth lo specchio può inoltre collegarsi a dispositivi audio, e il resto del comparto audio si compone di due altoparlanti da 10 watt, supporto a Spotify Premium. Tutte le funzioni di Mirror possono inoltre essere gestite da remoto tramite un’applicazione per sistema operativo iOS.

E il prezzo? Decisamente non popolare: Mirror ha un costo di 1500 dollari. Un prodotto sicuramente di nicchia al momento, ma futuribile per il mercato di massa.

Fonte: Mirror