QR code per la pagina originale

OnePlus 6T, ricarica wireless assente

Il CEO Pete Lau ha confermato che il OnePlus 6T non avrà il supporto per la ricarica wireless, in quanto quella tradizionale è più veloce ed efficiente.

,

L’annuncio del nuovo top di gamma è fissato per il 17 ottobre, ma il produttore cinese ha già svelato alcune informazioni sullo smartphone, come l’eliminazione del jack audio da 3,5 millimetri e la presenza del lettore di impronte digitali in-display, come si può vedere nel breve video pubblicato su YouTube. Durante un’intervista rilasciata a CNET, il CEO Pete Lau ha confermato che il OnePlus 6T non avrà la ricarica wireless.

Nonostante sia considerato un aggiornamento dell’attuale OnePlus 6, il nuovo modello introdurrà diverse novità (positive o negative a seconda dei punti di vista). Il CEO ha affermato che quella di rimuovere il jack audio è stata una decisione piuttosto difficile, ma necessaria per liberare spazio all’interno del telaio e installare il sensore biometrico sotto lo schermo. Il lettore di impronte sarà di tipo ottico e verrà posizionato nella parte inferiore. L’impronta viene letta dal sensore di immagine e confrontata con quella memorizzata. La funzionalità è denominata Screen Unlock.

L’uso del nuovo lettore inciderà probabilmente sul prezzo finale. In base alle ultime indiscrezioni, il OnePlus 6T costerà 550 dollari, 21 dollari in più rispetto al OnePlus 6. Lau ha inoltre confermato l’assenza della ricarica wireless, in quanto la tecnologia di ricarica rapida è più veloce e affidabile. Lo smartphone avrà una maggiore resistenza all’acqua rispetto al suo predecessore, ma il produttore non ha richiesto nessuna certificazione IP, ritenute troppo costose.

Il OnePlus 6T dovrebbe avere uno schermo da 6,4 pollici con “notch a goccia”, processore Snapdragon 845, 6 o 8 GB di RAM, 64/128/256 GB di storage, doppia fotocamera posteriore da 20 e 16 megapixel, connettività WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0, GPS, NFC e LTE, porta USB Type-C e batteria da 3.700 mAh. Il sistema operativo sarà quasi certamente OxygenOS 9.0 basato su Android 9 Pie.