QR code per la pagina originale

Windows 10, problemi di BSOD con le ultime patch

Gli aggiornamenti dell'ultimo Patch Tuesday di Windows 10 causerebbero problemi di BSOD nelle ultime versioni del sistema operativo.

,

Ancora problemi per Microsoft e Windows 10. Alcuni utenti segnalerebbero, infatti, che a seguito dell’installazione degli update rilasciati alcuni giorni fa all’interno della ricorrenza del Patch Tuesday di ottobre 2018, i loro PC starebbe soffrendo di fastidiosi problemi di BSOD (blue screen of death). In altri termini, i loro computer andrebbero irrimediabilmente in crash e non riuscirebbero, in molti casi, ad avviarsi correttamente. I problemi maggiori riguarderebbero i PC con Windows 10 October 2018 Update e con Windows 10 April 2018 Update.

Il messaggio di errore visualizzato mostra un “WDF_VIOLATION“, che si riferisce a Windows Driver Framework. Il problema sembra riguardare principalmente gli utenti in possesso di un PC HP e farebbe riferimento ad un driver trovato nei computer della società, “HpqKbFiltr.sys“. Molti utenti segnalano, infatti, che eliminando questo file, i computer tornano a funzionare correttamente. Sebbene i problemi maggiori siano ad appannaggio dei computer HP, l’inconveniente starebbe toccando PC anche di altri brand. Microsoft ha correttamente ammesso il problema ed ha sospeso la distribuzione degli aggiornamenti per indagare sull’accaduto.

Lecito, dunque, attendersi in tempi rapidi la distribuzione di patch correttive. Tuttavia, quanto accaduto, mostra come Microsoft, probabilmente, abbia la necessità di rivedere il modo con cui gestisce gli aggiornamenti. I recenti problemi di Windows 10 October 2018 Update e quanto accaduto nelle ultime ore con il Patch Tuesday di ottobre 2018, evidenziano come Microsoft debba intervenire urgentemente per evitare che fatti analoghi possano ricapitare in futuro. Il programma Windows Insider che è cresciuto esponenzialmente nel corso degli anni potrebbe dover essere rivisto per fare in modo che gli aiuti degli sviluppatori possano essere maggiormente efficaci nel lavoro di sviluppo di Windows 10.

Fonte: Neowin