QR code per la pagina originale

Fortnite, YouTuber denunciati da Epic Games

Nella lotta al cheating su Fortnite Epic Games fa un ulteriore passo in avanti e dopo il ban per i giocatori furbetti ora arrivano vere e proprie denunce.

,

Ad Epic Games non piacciono i cheater, ormai è risaputo. A confermarlo ulteriormente la scelta da parte del publisher e sviluppatore di bannare diversi utenti che hanno utilizzato dei trucchi per vincere o ottenere benefici all’interno di Fortnite, e recentemente sono stati messi alla berlina pure gli youtuber che incitano alla pratica del cheating.

I primi a pagarne le conseguenze due youtuber piuttosto popolari: Brandon Lucas che gestisce il canale “Golden Mods”e Colton Conter di “Excenter”citati in giudizio da Epic Games. Il produttore di videogiochi ha presentato in tribunale una querela di 35 pagine il 10 ottobre, recentemente pubblicata per intero su TorrentFreak. Due secondo Epic Games i codici violati dello US Copyright Act.

Nello specifico, Lucas e Conter sono stati accusati di aver usato dei trucchi all’interno dei loro video e di averli poi venduti ad altri giocatori. Già a settembre Epic Games aveva fatto togliere da YouTube alcuni video del canale “Golden Modz” gestito da Lucas. In seguito a questa azione lo youtuber affermò di essere stato discriminato dallo sviluppatore del gioco, ma avrebbe continuato lo stesso a creare contenuti.

Il canale in questione, che ha 1,7 milioni di iscritti, contiene video su Fortnite e GTA Online. Ora che è arrivata una vera e propria denuncia, a sua difesa lo youtuber ha fatto sapere di essere contro il cheating e di creare i suoi video solo allo scopo di intrattenere i suoi tanti iscritti. Dall’altra parte Epic dichiara, invece, che il ragazzo sfrutta i suoi video per promuovere trucchi, che poi vende.

Gli youtuber di Fortnite dovrebbero essere condannati a pagare i danni di Epic, le spese legali e i costi relativi a questa azione – fa sapere in una nota Epic Games.

Fonte: Vgr.com • Immagine: Epic Games