QR code per la pagina originale

Google Search aggiunge le formule alle conversioni

La funzione di conversione di Google è stata arricchita dal nuovo box formula, che spiega il rapporto matematico che si nasconde dietro la trasformazione

,

Una delle ricerche più frequenti su Google sono sicuramente le conversioni, che sia da pollici a centimetri, da libbre a chilogrammi o da miglia a chilometri. Ora questa funzione sul motore di ricerca più popolare del mondo è stata arricchita da un’opzione davvero molto curiosa: la formula, ovvero il rapporto matematico che si nasconde dietro la conversione tra le due unità di misura.

Cercando di convertire un valore numerico in un’altra unità di misura, ora nel convertitore di Google compare una piccola casella gialla che spiega da quale formula nasce il risultato trasformato.

Un utile strumento per rinfrescarsi la memoria sulle formule matematiche conosciute sui banchi di scuola, ma anche un modo per apprendere qualcosa di nuovo.

Facciamo un esempio pratico: provando a convertire 100 libbre in kg su smartphone, scrivendo nella finestra di ricerca la dicitura “100 libbre in kg” oltre al risultato della conversione di 45,359 chilogrammi in basso comparirà la nuova opzione Formula seguita dalla seguente spiegazione matematica che spiega come ottenere il risultato: “per un risultato approssimativo, dividi il valore dell’unità di massa per 2,205”.

Altri esempi potrebbero essere: la conversione di pollici in centimetri, che il box formula spiega così: “moltiplica il valore dell’unità di lunghezza per 2,54”, oppure miglia in chilometri “per un risultato approssimativo, dividi il valore dell’unità di lunghezza per 1,609” o, ancora, i piedi in me “per un risultati approssimativo, moltiplica il valore dell’unità di lunghezza per 3,281”.

Al momento il nuovo box è già disponibile sia nella versione mobile di Chrome che su quella desktop. Un aggiornamento universale, che è comparso inaspettatamente senza alcun preavviso. È probabile che i test siano stati eseguiti lato server da parte di un numero limitato di utenti.

 

Fonte: Android Police • Immagine: Pexels