QR code per la pagina originale

Starship, robot autonomo ora consegna anche pacchi

Starship Technologies espande la presenza del suo robot a sei ruote che consegnerà pacchi on demand tramite app.

,

Di Starship Technologies se ne parla da anni, ma questa volta la compagnia estende il suo robot autonomo a sei ruote anche alla consegna dei pacchi on demand. L’azienda ha annunciato a partire da ora i residenti di Milton Keynes nel Regno Unito (230.000 abitanti) potranno ricevere i propri pacchi consegnati direttamente dal drone motorizzato di Starship. Il programma sarà esteso anche alla città di San Francisco entro la fine dell’anno.

Bisognerà innanzitutto scaricare l’app: i consumatori potranno ordinare dal loro shop online preferito, Amazon, Asos o altri ad esempio, ed indicare il proprio “indirizzo Starship” fornito dall’app. Il pacco arriverà alla struttura di smistamento Starship più vicino casa. Una volta ce il pacco si trova lì, il cliente può richiederlo programmando una consegna con pochi tocchi sull’app. Successivamente uno dei robot Starship scenderà sul marciapiede con il pacco ben nascosto al suo interno. Questi robot possono attraversare la strada, gli incroci e spostarsi tra gli esseri umani, ma anche fermarsi per farli passare, per poi proseguire.

Sono sempre sorvegliati dai dipendenti dell’azienda da remoto per scongiurare furti. La compagnia ha fatto sapere che i robot sono dotati di telecamere e avvisi che scoraggiano atti vandalici e furti. Si tratta di un servizio accessibile su abbonamento di 7,99 sterline al mese (quasi 9 euro), senza limiti nel numero di spedizioni.

Robot Starship

La domanda sorge spontanea: perché spendere questa cifra mensile, far arrivare il pacco in un altro luogo per poi vederselo recapitare da un robot? Il selling point di Starship starebbe proprio nella sicurezza dell’arrivo del pacco, che avviene su richiesta, quindi si direbbe addio alle consegne mancate, magari quando non c’è nessuno in casa. I dati della compagnia dicono che questi robot hanno percorso 125.000 miglia in 20 Paesi e più di 100 città dall’inizio dei test.

Sicuramente una scelta bizzarra per alcuni, ma l’utilizzo quotidiano aiuterà a comprendere meglio la reale utilità di questa soluzione di consegne oltre le fasi di test.