QR code per la pagina originale

Windows 10 19H1 build 18277 agli Insider, novità

Microsoft ha rilasciato la nuova build 18277 di Windows 10 19H1 che introduce piccole novità nella gestione delle notifiche.

,

Microsoft ha rilasciato la nuova build 18277 di Windows 10 19H1 agli Insider. Trattasi di una nuova build di sviluppo del futuro nuovo grande aggiornamento funzionale di Windows 10 che la casa di Redmond rilascerà a tutti entro la primavera del 2019. Questa nuova build introduce alcune piccole novità. Più nello specifico, la società ha rivisto il funzionamento di Focus Assist, cioè dell’Assistente Notifiche. Attraverso una nuova opzione, gli utenti potranno fare in modo che il sistema operativo blocchi l’arrivo di ogni notifica quando si eseguono applicazioni a pieno schermo.

In questo modo gli utenti non verranno disturbati durante le loro attività, qualsiasi esse siano. Altra novità riguarda il Centro Notifiche di Windows 10. Qui, Microsoft ha trasformato il pulsante adibito alla gestione della luminosità in uno slider che permette di incrementare o diminuire la luminosità dello schermo in maniera più semplice e rapida. Inoltre, adesso, gli utenti potranno personalizzare direttamente dal Centro Notifiche l’elenco dei comandi rapidi. Novità anche per le Emoji. Microsoft, infatti, ha introdotto tutte le Emoji Unicode 12 realizzate sino ad ora da lei. La lista delle nuove Emoji è ancora in beta e quindi suscettibile di ulteriori modifiche in futuro.

Questa nuova build introduce di default un nuovo sistema che punta a risolvere il problema di visualizzazione delle app Win32 sugli schermi con DPI elevato. Questo tool dovrebbe ridimensionare automaticamente queste app per renderle più usabili.

Piccole novità anche dal punto di vista della sicurezza e nello specifico sull’utilizzo di Microsoft Edge con Application Guard. Non mancano poi correttivi ed ottimizzazioni. Curiosamente, Microsoft ha anche lanciato un sondaggio per gli Insider per valutare l’integrazione tra Cortana ed Alexa che è disponibile, però, solo per gli Insider americani.

Trattandosi di una build di sviluppo ancora molto acerba non mancano i problemi. Proprio per questo il suggerimento è quello di sperimentarla solamente all’interno di macchine dedicate ai test.

Fonte: Microsoft • Immagine: spooh via iStock