QR code per la pagina originale

Twitter apre alla modifica limitata dei tweet

Il CEO di Twitter Jack Dorsey apre alla possibilità di modificare i tweet ma con dei limiti per non cambiare la realtà dei fatti.

,

Twitter presto potrebbe inserire un tasto per modificare il contenuto di un tweet. Questa funzione è richiesta da anni da un vasto numero di utenti, ma sembra che qualcosa si stia muovendo. Di recente infatti è il CEO Jack Dorsey, durante un intervento tenuto a una conferenza a Nuova Delhi, ha spiegato che presto su Twitter sarà inserita questa nuova funzione, ma che avrà dei limiti.

Dorsey infatti ha sottolineato di comprendere quei casi in cui gli utenti sperano di poter un giorno editare i loro tweet per correggere un errore involontario o per modificare un link URL sbagliato. Questi saranno gli unici post modificabili, perché è stato già spiegato che non sarà possibile editare i post pubblicati da molto tempo per non rischiare di cambiare il senso della discussione.

Una scelta comprensibile perché su Twitter, come su Facebook, continuano le campagne d’odio e fake news. La stessa Twitter qualche settimana fa ha cancellato milioni di account fasulli. La modifica dei vecchi tweet, magari riportati da testate o siti web, potrebbe cambiare completamente ciò che una persona o azienda ha dichiarato in passato e questo potrebbe essere molto pericoloso.

Twitter quindi limiterà la funzione di modifica per i propri post con lo scopo di evitare che gli utenti possano agire su tutti i vecchi tweet cambiando così la realtà dei fatti in merito ad uno specifico messaggio. Lo stesso Dorsey ha spiegato che gli sviluppatori di Twitter stanno lavorando per la realizzazione di questa funzione già da molto tempo e che hanno intenzione di rilasciarla perfettamente funzionante. La possibilità di editare un post su Twitter risolverebbe quindi molti problemi riscontrati dagli utenti, ma bisognerà constatare quali saranno i limiti ulteriori impostati per il suo utilizzo.

Una scelta sbagliata di design in questo senso potrebbe cambiare la piattaforma per sempre, in peggio.

Fonte: The Next Web • Immagine: HStocks via iStock